PlayStation 3: I Primi Giochi in Real Time - Report dalla GDC 2006  0

A San José, alla GDC 2k6, Phil Harrison parla di PlayStation 3, delle novità di PSP e spuntano i primi giochi in real time della nuova console targata Sony. In mezzo ad una folla di addetti ai lavori c'eravamo anche noi.

Il gigante si sta svegliando. Sony sta lentamente portando alla luce tutti i tasselli del puzzle PlayStation 3 ad ogni appuntamento che la separa dall’E3, prima, e dal lancio poi, che è stato confermato per il prossimo Novembre in tutto il mondo. Qui alla GDC di San Jose la voglia di novità legate alla nuova console del colosso nipponico si traduce in platee assiepate in ogni conferenza o appuntamento che abbia a che fare con PS3; ad ogni possibilità anche remota di mettere gli occhi su qualche sequenza dei giochi in via di sviluppo. Alle 10.30 di stamani, una lunga coda si è accumulata davanti al Civic Center di fronte al centro che ospita la GDC, richiamata dalla conferenza di Phil Harrison, presidente di Sony Entertainment Worldwide Studios. Si è parlato di PS2, PSP ed ovviamente di PlayStation 3 con una serie di demo assolutamente in real time di alcuni dei giochi attesi per il lancio a Novembre. Giusto il tempo di sedersi e prepararsi allo spettacolo.

Celebrando PlayStation 2

Nel fare il punto della situazione è ovvio partire dai successi del colosso nipponico nell’industria dei videogiochi. Successi, dai quali prendere idee, stile e obiettivi per replicarsi in futuro e mantenere una leadership di mercato che supera il 60%, lasciando le briciole agli avversari, Nintendo e Microsoft. Più di 100 milioni di console vendute in più di sei anni; un miliardo di copie divise tra 6732 giochi diversi, tutti numeri da capogiro con un obiettivo ulteriore centrato: quello di dimostrare che, nonostante tutti i pareri contrari quando Sony entrò nel mercato delle console nel ‘94, il ciclo vitale di una macchina vincente non si accorcia al di sotto dei cinque anni. Tutt’altro. Tanto che Sony prevede di continuare a vendere PS2 ancora nel 2010, quando ragionevolmente il vecchio monolite dovrebbe uscire di scena. A ribadire la fiducia in PS2, ecco che ha fatto il suo ingresso nel momento più emozionante di tutta la conferenza, un filmato in game di God of War 2. Esaltante, a dir poco, con Kratos animato come sempre in una demo pulitissima, a 60 frame al secondo, che culminava in una lotta in volo in groppa ad un grifone, mutilato di un'ala dal nostro eroe, subito prima di lanciarsi nel vuoto. Sono passati sei anni dal lancio di PS2, ma ancora oggi la console riesce a strappare applausi emozionati ed a scena aperta da tutta la platea di giornalisti e addetti ai lavori presenti in sala.

Novità PSP

PSP, nonostante la concorrenza agguerrita del DS soprattutto in Giappone, è la piattaforma Sony con la più veloce diffusione sul mercato di sempre. Questo non basta però, ed oggi sono state ufficializzate anche per l’Occidente una serie di feature che promettono di trasformare, facendola evolvere, la figlia portatile di Kutaragi. La prima mossa è quella di portare il kit di sviluppo a 5000$, con la speranza di permettere a molti più sviluppatori di lanciarsi nel mondo del portable gaming. Ovviamente questa era la notizia dovuta alla gran parte di sviluppatori presenti, soprattutto indie. Le feature annunciate subito dopo invece, gettano nuova luce su PSP e sulle sue prospettive future: l’RSS Channel che consentirà di ricevere notizie in tempo reale in qualsiasi momento; il browser per navigare su internet, basato su tecnologia Flash 6; un video voice communicator che, a partire da Ottobre, trasformerà la console in un videofonino via WiFi, con un sistema di telecamera che potrà essere utilizzato anche a mo’ di Eye Toy; un ricevitore GPS, infine, che farà di PSP un vero e proprio navigatore satellitare. Il Web diventa, quindi, parte integrante dell’esperienza legata a PSP, che potrà ricevere contenuti extra, compresa tutta la libreria dei giochi PSOne, che gireranno grazie ad un emulatore via software e che andranno installati sulle memory card. La sezione si è chiusa con un video di Loco Roco, misto tra un puzzle game e un action, che ricorda da vicino Gish (premiato l’anno scorso alla GDC per l’innovazione tra i giochi indipendenti), e che non ha mancato di divertire e stupire anche in quest’occasione come già fece al TGS di Settembre.

PS3 Novità e internet

Harrison è finalmente giunto a parlare di PS3, attesa da tutti, confermando le specifiche uscite dal Giappone non più tardi di una settimana fa, e che in parte erano già note a molti. Compatibilità totale con il catalogo PS2, pieno supporto al formato Blue Ray (sia per i giochi che per i video), 1080P come risoluzione, l’ultima versione di HDMI come connessione video digitale (senza specificare se si tratta di 1.3 o 2.0), e l’hard disk di serie, incluso in ogni console. Confermato, come già detto, il lancio mondiale ad inizio Novembre, con una produzione di un milione di console al mese e con i tool di sviluppo oramai avviati e sui quali stanno lavorando le migliori case del settore, da Epic, Alias System fino alla Ageia. L’SDK (kit di sviluppo) è in fase avanzata di debug e la versione finale sarà fornita a Giugno, subito dopo la finalizzazione di tutte le componenti hardware che avverrà a Maggio. Evidente, è il grande interesse che adesso Sony nutre per l’online e per tutte le forme di business ad esso collegate. Dal day one partirà un servizio di gaming che sembra del tutto simile a quello proposto da Microsoft con Xbox Live, con il nome provvisorio di PlayStation Network Program. Si parla di una versione base del servizio del tutto gratuita, dai contenuti non meglio precisati, che però sembrano includere video chat e chat, liste amici, matchmaking, lobby di giocatori ed il gioco in rete vero e proprio. Oltre a questo, ci saranno contenuti a pagamento, legati ai singoli titoli, forme di abbonamento per gli MMORPG, e giochi veri e propri da scaricare e lanciare da hard disk, per un network con server dedicati in tutti i continenti. L’interfaccia online sarà diversa da gioco a gioco, uniformandosi allo stile grafico ed integrandosi nei menu stessi, così come la video chat, che potrà avvenire durante qualsiasi gioco, anche offline a quanto pare, con un bel sistema integrato che porrà in overlay su schermo fino a tre utenti in conversazione (questo, almeno, il numero usato in via dimostrativa durante la conferenza). Sony apre le porte a tutte le possibili forme di business legate al gioco online, comprese quelle di advertising in game (pubblicità inserite nei giochi) ed inaugura un sito, online da subito, per tutti quei producer che abbiano idee per diventare partner del colosso nipponico e che vogliano entrare in questo mondo che comprenderà ben presto il mobile gaming.

Signori… i giochi in real time

La speranza c’era, ma fino all’ultimo non si poteva esserne certi, vista la riservatezza con cui Sony sta accompagnando PS3 verso l’uscita sul mercato. La folla di attenti spettatori si è trovata faccia a faccia con i primi titoli in real time gestiti dall’hardware della nuova console, tutto software in versione beta e ben lungi dall’essere finito, ma che almeno ha placato un po’ della grande curiosità. Heavenly Sword di Ninja Theory, sulla falsariga di Ninety Nine Nights di Mizuguchi, è stato il primo ad essere mostrato. La beta era ambientata in un campo aperto nel deserto, su cui erano dislocati centinaia di soldati che venivano fatti letteralmente saltare per aria, quando colpiti da un’arma invisibile direzionata da un mirino sovraimpresso. Ognuno dei corpi era mosso dall’havok engine, con una fisica applicata che riusciva a determinare anche le posizione intermedie dei soldati, che, oltre a schiantarsi al suolo e a colpirsi l’un l’altro, finivano per restare poggiati su un fianco o parzialmente inclinati in maniera del tutto credibile. Molto di più non è possibile dire, dato che ognuna delle beta sembrava mettere in risalto alcune delle caratteristiche peculiari del nuovo hardware, senza ancora dare l’idea del quadro complessivo dei prodotti finali, tanto più che il dettaglio dei personaggi non è mai stato mostrato a distanza sufficientemente ravvicinata.

Signori… i giochi in real time

Un’altra delle feature chiave é quella del calcolo procedurale dei diversi elementi grafici in un gioco. È stata mostrata una demo, di un titolo ancora non annunciato, nella quale una macchina veniva distrutta progressivamente sotto colpi che possono cambiare ad ogni partita, calcolati proceduralmente appunto. La carrozzeria rifletteva il fondale tutto attorno e i finestrini, i fanali e i paraurti, quando colpiti, andavano in mille pezzi rispondendo alle leggi della fisica ad essi applicate. È stata, poi, la volta di Getaway 3, quella stessa demo dell’E3, in real time e con la possibilità per lo sviluppatore di spostare l’inquadratura della telecamera con il pad. Questa è stata di gran lunga la demo più convincente. Trenta frame costanti per mostrare il centro di una Londra virtuale attraversata da passanti, macchine e autobus carichi d’effetti e HDR. È stata, quindi, la volta di Warhawk, shoot’em up sulla falsariga di Rogue Leader, in cui lo sviluppatore ha volteggiato a lungo attorno ad alcune navi volanti, circondate da nugoli di astronavi che potevano essere distrutte. L’acqua del mare e le nuvole in cielo erano calcolate proceduralmente (in pratica variavano la dimensione delle onde e delle nubi in modo casuale) e la resa era di buon effetto. 60 FPS, Anti Aliasing e una discreta illuminazione, senza HDR.

Signori… i giochi in real time

La vera sorpresa è stata la presenza di Motorstorm, chiacchierato gioco di corse, presentato allo scorso E3 con un video sorprendente. La demo ha visto prima una dune buggie, poi una moto da cross, scorrazzare per un canyon, mettendo in risalto un buon uso dell’HDR ed una feature che dovrebbe andare ad influire anche sul gameplay. I veicoli, correndo nella sabbia, lasciavano veri e propri solchi che modificavano la conformazione del terreno (come i lottatori di Virtua Fighter 3 nello stage ambientato nella neve per chi se lo ricorda) e che dovrebbero andare a determinare la risposta dei mezzi alla guida. Il fango, sollevato dalle ruote, si depositava sulle carrozzerie dei veicoli accanto, ma il sistema di particelle è sembrato ancora da perfezionare. Motorstorm sembra un titolo interessante, ma da quanto mostrato, e pur essendo chiaro che di tempo per lavorare ce n’è fino a Novembre, sembra piuttosto lontano da quel che si è visto a Los Angeles l’anno scorso. Insomniac è salita sul palco per presentare un nuovo titolo, chiamato Resistance: Fall of Man, un fps che ricordava molto da vicino Half Life 2 per scelte cromatiche e resa complessiva, e caratterizzato dall’havok engine applicato su tutti i corpi dei nemici affrontati nel breve livello mostrato. Prima di andarsene, Ted Price, presidente della softco, ha mostrato un filmato di una città immensa, dallo stile cartoonesco, che si apriva a perdita d’occhio, e animata da decine di navicelle e robot. La sequenza, non in real time, si chiudeva con un dirigibile marchiato dal logo di Ratchet and Clank, che lasciava presupporre piuttosto chiaramente di cosa si trattasse. In chiusura di conferenza è stato presentato il nuovo Singstar che trarrà il massimo beneficio dal nuovo servizio online, dato che saranno scaricabili nuove canzoni da usare direttamente per cantare con gli amici. Altra ottima novità è la possibilità di “video registrare” le sessioni di canto davanti al televisore su HD, così da poterle catalogare e rivedere in qualsiasi momento. Ora non resta che attendere l’E3 dove Harrison ha promesso che i giochi la faranno da veri protagonisti e dove saranno finalmente giocabili (di sicuro Warhawk, a quanto dichiarato oggi), così da poter finalmente placare la curiosità morbosa di così tanti appassionati. Multiplayer.it, come sempre, ci sarà.