Preview Formula One 2001: un giorno da pilota  0

Ore 10.30

Ho un tappeto con scritto “Playstation” sotto i piedi: sono dentro. Il Software manager Sony, mi accoglie cordialmente e mi mette a disposizione una console su cui testare il gioco a 32 e 128 bit in versione Beta, ovvero giochi completi al 90% con qualche bug ancora da ottimizzare ed alcune opzioni al momento ancora non funzionanti. Inizio col provare la versione Ps2 (non ho resistito…) , premetto che non avevo mai visto neppure un videoclip prima e… devo dire di essere rimasto favorevolmente impressionato dalla qualità su schermo: la grafica appare nitida nei colori e con una definizione davvero alta. Faccio un giro di prova e capisco subito che il modello fisico delle auto è ottimamente realizzato, difatti è il tipo di gioco in cui io sono una schiappa: finisco prima sul prato (rendendomi conto che non conviene provare a tagliare) , poi contro un gruppo di auto davanti a me, creando un rocambolesco incidente… e pensare che non ho giocato in modalità difficile (ovvero non ho attivato danni realistici, foratura gomme o regolazione della frizione!), inoltre lo Studio Liverpool (ex Psygnosys) ha sfruttato la tecnologia analogica dei nuovi pad per un realismo ancora maggiore ma, appunto per questo, devo ammettere di averci messo un po’ prima di familiarizzare col sistema di controllo.

Ore 11.40

Change disk: passo alla versione Psone. Innanzitutto va precisato che questo gioco è sviluppato da un diverso team e quindi in comune con la versione Ps2 ha solamente idee come la telecronaca, l’introduzione di danni realistici (tipo la foratura gomme) e la licenza FIA (con i piloti e le loro auto aggiornati alla stagione corrente). Graficamente il gioco fa il suo dovere, perché ormai la Psone non ha più segreti per gli Studio 33 (gli stessi sviluppatori delle ultime due edizioni) anche se i colori delle texture forse risultano un pò troppo saturi (o forse non avrei dovuto giocare prima alla versione ps2…) devo dire comunque di essere rimasto impressionato dalla grande sensazione di velocità (allo stato attuale, forse più fluida della versione ps2!) forte anche di una giocabilità più permissiva ed una manovrabilità meno ostile (ad esempio qui andare fuori pista non pregiudicherà troppo l’andatura).

La visuale interna del cockpit nella versione Psone risulta un tantino scomoda perché troppo bassa, interessante invece l’opzione riguardante la modifica della griglia di partenza (che permette di spostare come una pedina la vostra auto) e il quiz (stile Gerry Scotti) che vi intratterrà durante i caricamenti con domandine di carattere sportivo. In conclusione una realizzazione tecnica di buon livello, che non deluderà i fans del brand. Che possediate la console nera o quella grigia, la data da attendere è il 23 maggio.

Ore 12.35

Sfilo il casco e a malincuore lascio la poltroncina dell’ufficio Sony… è tempo di tornare alla dura realtà in cui non guido una Ferrari ma una piccola utilitaria che comunque mi regala belle emozi… Oops, ma cos’è quel fogliettino bianco attaccato al tergicristallo? Noooo...

  • Video Formula One 2001 - PS2
  • Video Formula One 2001 - PSOne
  • Speciale Formula One: Passato e Prossimo Futuro

  • Ore 8.45 di una tiepida mattina di Aprile

    La doccia fredda e frettolosa, la colazione lampo con un morso al croissant del giorno prima, ed anche quei piccoli tagli che mi sono procurato radendomi sono stati necessari per tentare di ristabilire la sottile differenza tra l’essere in ritardo oppure no. In più, in una caotica metropoli come Roma il traffico non aiuta di certo, ma dopo quaranta minuti di tentennante prima/seconda, vedo comparire all’orizzonte un passaggio tra le auto che si stavano disperdendo sulle rampe, e allora cambio seccamente marcia, poi a tavoletta fino a quattromila giri e vai di quarta! quinta! e… Oops! Ho mancato la mia uscita…