Rainbow Six: Raven Shield  1

La serie di Rainbow Six torna sui nostri schermi con questo nuovo titolo, ricco di innovazioni e migliorie.br> Scopriamo assieme a Matteo Caccialanza, che ha avuto la possibilità di giocarlo in uno degli stand Ubisoft, quali colpi in canna vanta la nuova versione del gioco di Tom Clancy, che potrebbere ridefinire il concetto di Squad Games...

ANTEPRIMA di La Redazione  —  24 Maggio 2002

Rainbow Six ancora una volta

Naturalmente le innovazioni non interessano esclusivamente aspetti tecnici, ma il gameplay stesso è stato rivisitato e reso più immediato, a partire da una consistente semplificazione dell’interfaccia e da alcuni ulteriori accorgimenti sul sistema di controllo.
Esso ora prevede la possibilità di socchiudere le porte anziché aprirle, di accovacciarsi a terra e nascondersi dietro gli angoli mantenendo la possibilità di sbirciare oltre il nostro nascondiglio semplicemente piegando il busto a lato, pur mantenendo posizione e copertura..
Un ulteriore elemento degno di nota e che caratterizzerà sicuramente questo prodotto è dato dalla gestione innovativa degli ostaggi che ci troveremo in moltissimi casi a dover liberare.
A detta dei programmatori sarà inserito nell'I.A. di questi ultimi, un fattore "stress" che andrà ad incidere moltissimo sulle reazioni che potranno avere alle varie situazioni in cui si troveranno coinvolti. Nel caso di uno scontro a fuoco fra forze amiche e nemiche, se si troveranno nel mezzo potrebbero sia rannicchiarsi in un angolo in preda al terrore, sia fuggire in maniera scoordinata per la mappa rischiando di trovarsi sulla traettoria di una pallottola.

Rainbow Six ancora una volta

Non manca la possibilità di spaventare i terroristi mdesimi, che assistendo ad una irruzione ben coodinata dei nostri umin potranno decidere di arrendersi. In tal caso sarà possibile dare loro ordini specifici, come alzare le mani, inginocchiasi, o porgere i polsi per essere ammanettati.
Nel corso del gioco potremo coordinare l’azione di ben 3 team contemporaneamente, per un totale di 8 personaggi, ma come per i precedenti capitoli, la modalità multigiocatore consentirà di tramutare il gioco in un vero e proprio squad game alla Counter-Strike, lasciando a ciascun personaggio il controllo di un singolo swat e lasciando al leader della squadra il compito di dare gli ordini e coordinare l’azione.
Possiamo dunque convenire che si stia compiendo un buon lavoro per dare un sequel a un ottimo titolo che già presentava ben pochi margini di miglioramento.

Rainbow Six ancora una volta

Il nuovo Rainbow Six ci è stato presentato presso lo sfarzoso stand Ubisoft, dove era giocabile una versione preliminare dell’ultimo nato dell’affollata famiglia di Tactical FPS di Tom Clancy. Il prevedibile restyle grafico ha coinvolto anche il metodo di visualizzazione dell’arma, che ora appare sullo schermo come negli action in soggettiva tradizionali.
Al di là dei meri dettagli grafici, abbiamo apprezzato l’ottimo lavoro solto in luogo del modello fisico, in particolare sulla reazione di cose e persone ai colpi delle nostre armi (ottimo il sistema di localizzazione dei colpi) e sul sistema di gestione delle collisioni che è andato a sostituire l’originale e approssimativo del motore di UT.
Ad esempio, colpendo un terrorista al ginocchio, sarà possibile vederlo rotolare giù dalle scale o precipitare da una impalcatura, subendo durante la caduta tutti i cambi di traiettoria previsti dalla collisione con altri elementi dello scenario.