Riflettori sui MUDRiflettori sui MUD #001 

Nasce la rubrica quindicinale dedicata ai MUD: Riflettori sui MUD. Spaziando dai classici MUD testuali per finire con i piu' avanzati MMORPG (ovviamente tutto amatoriale e gratuito) verranno esplorati, ogni quindici giorni, novita' e anteprime dei multi user dungeon piu' famosi o appena nati.

Riflettori sui MUD #001

Atlantis: la fine

Atlantis chiude i battenti dopo ben 4 anni di attivita', altalenati da molta sfortuna e tanta voglia di realizzare un buon prodotto. Dalla storia dei MUD di MUDItalia, sappiamo che Atlantis nasce, infatti, nel 1999 dall’incontro di Jastar e Aragorn, in prima battuta, e poi Nather, Crystal e Solyan, che ispirati da Clessidra, iniziano a lavorare a questo nuovo MUD.
Nel 2000 Atlantis conclude la fase di test e apre al pubblico, grazie anche al supporto di Eldharion e il successo non tarda ad arrivare! Lo staff si mostra notevolmente in gamba e il MUD ha un’impronta RPG. I dettagli di gioco sono curati e non ci si annoia mai grazie alle diverse attivita’ che e’ possibile intraprendere. Nell’estate 2001, pero’, il primo ostacolo si avvicina: il MUD rimane senza server e i giocatori sono costretti a sperare in un suo ritorno. Questo avviene, ma il MUD e’ gia’ cambiato nella struttura direttiva. Nuovi elementi entrano a far parte dello staff, tra cui Larosh; il numero di giocatori rimane sempre buono, ma il carico di lavoro e’ aumentato. Il 27 Ottobre del 2003 nonostante che il MUD fosse frequentato, Larosh annuncia la chiusura definitiva di Atlantis: e’ la motivazione sta, purtroppo, in un litigio tra i gestori.
Se questa e’ la cruda realta’ dei fatti, bisogna sottolineare come Atlantis sia stato uno dei MUD dell’ultima generazione piu’ frequentati e ricchi di ottime novita’.

Cos'e' un MUD (introduzione)

Le FAQ sui MUD di MUDItalia forniscono la descrizione "originale" sul significato di MUD: "Un MUD (Multi User Dungeon, Multi User Dimension, o Multi User Dialogue) e' un programma per computer nel quale gli utenti possono connettersi e giocare. Ogni utente prende il controllo di un personaggio. Si puo' camminare, chiacchierare con altri personaggi, esplorare aree infestate di mostri, risolvere prove di coraggio, intelligenza o conoscenza (le cosiddette "quest") e persino creare delle stanze personali, con descrizioni ed oggetti." Il tempo ha pero' reso l'acronimo MUD piu' specifico anche perche', come descritto in queste FAQ, qualunque modalita' multiplayer di un gioco che la supporta appartiene alla categoria dei MUD. Nei prossimi numeri di "Riflettori sui MUD" si scoprira', quindi, com'e' evoluto il significato di questo acronimo.

Il ritorno di The Gate

Quasi in concomitanza, invece, un MUD che sembrava perso e’ ritornato a vita: The Gate. E’ il MUD sicuramente piu’ popolare, grazie al suo client grafico e allo stile di gioco piuttosto diverso da tutti i “classici” MUD italiani, oltre alla, oramai enorme, comunita’ che si e’ andata creando.
13 Facciamo un passo indietro: The Gate era stato chiuso principalmente per l’abbandono del supporto del server di NGI (dove era ospitato) questa estate. Marco Braga, principale implementor del MUD, non aveva dato a suo tempo risposta alla domanda che attanagliava le menti degli appassionati nell’intervista rilasciata a MUDItalia: The Gate riaprira’?
Dopo un iniziale momento di “no comment”, con l’apertura della pagina web http://thegate.landmar.it le speranze si erano riaccese. E pian piano, si era iniziata a diffondere la voce che il MUD potesse riaprire quest’autunno: e cosi’ e’ stato fatto!
Non c’e’ altro da dire che un corale “bentornato” a questo MUD che sicuramente e’ stato in grado di apportare radicali modifiche al panorama muddistico italiano.

Il primo MMORPG completamente free: Planeshift

E’ ora di dare spazio ad una grossa novita’ nel settore: Planeshift (http://www.planeshift.it). Planeshift e’ un MMORPG di natura completamente free e i cui sorgenti sono disponibili sul sito web. Planeshift e’ frutto del lavoro di un nutrito staff di 11 nazioni diverse (la lingua ufficiale e’, infatti, l’inglese), cui capo vi e’ Luca Pancallo. Planeshift e’ un nome gia’ noto tra i MUD, in quanto fino al 1997 era un MUD semi grafico. Proprio nel 1997 Luca Pancallo decide di dare nuova vita a Planeshift, grazie anche alla presenza di Crystal Space, un engine 3D open source ideale per giochi.
9 Oggi Planeshift e’ in versione pre-alpha: la versione attuale, Molecular Blue, non presenta grosse possibilita’ di gioco. Si puo’ chattare con altri utenti, risolvere un paio di quest fornite dai tredici NPC presenti, si puo’ esplorare una citta’ e il suo dungeon (e l’esterno della citta’, con il rischio pero’ di finire nel mare completamente immobili), e si possono raccogliere i cristalli, moneta attuale, tramite cui si possono acquistare armi. I combattimenti, la magia e moltissime altre feature sono annunciate con la prossima release: Crystal Blue, che dovrebbe aver luce nei primi mesi del 2004. Al momento si contano piu’ di 100.000 giocatori: il che non dovrebbe stupire! Nonostante la semplicita’ del gioco e i numerosi bug che lo affliggono, Planeshift ha catalizzato l’attenzione su di se’: sono in molti coloro che creano un personaggio per pura curiosita’ o ci sono anche molti che hanno piu’ di un personaggio. Ed essendo in lingua inglese, persone da tutto il mondo sono spinte a provare questo gioco. La grafica, nonostante qualche lacuna, e’ decisamente curata. Musica appropriata accompagna il personaggio nelle varie zone visitabili e la cerca dei cristalli (rubini, smeraldi e i rarissimi diamanti) e’ decisamente intrigante. Un’ottima assistenza a newbie e veterani e’ fornita dal forum: una folta comunita’ di appassionati si e’ gia’ creata e molti hanno gia’ formato delle Gilde.

Riflettori sui MUD #001

Il primo MMORPG completamente free: Planeshift

Insomma, non rimane altro che aspettare il 2004 e sperare che Crystal Blue porti con se’ tutte quelle novita’ che renderanno probabilmente Planeshift il MMORPG dell’anno.

MUD piu' o meno nuovi

Tornando al tradizionale, e’ stato scoperto un MUD che e’ ancora in fase di creazione: Terra Secunda, basato sul codice Bard. Di questo MUD non si sa ancora granche’, ma lo staff sembra attivo e molto creativo. Al momento, sul sito web del MUD (http://utenti.lycos.it/RPGfantasy/) sono presenti snippet estrapolati dal codice Bard, aree tradotte provenienti dal codice Smaug e Anatolia e la presentazione di un altro progetto: SmaugIT, che lascia trapelare l’intenzione di lavorare ad una versione italianizzata di Smaug (verra' approfondito questo concetto in uno dei prossimi numeri di questa rubrica). Non e’ chiaro cosa si intenda con “versione italianizzata”, ma si spera che si otterrranno piu’ informazioni riguardanti i progetti di Onirik e in particolare Terra Secunda al piu’ presto.

Riflettori sui MUD #001

MUD piu' o meno nuovi

Si cercano notizie anche su The Dream World, presentato da Gioco.net come un nuovo MUD italiano nel lontano 2002. In effetti, il sito web e’ fermo al 2002 e non si puo’ far altro che entrare in una chat Java assolutamente non frequentata. Si stanno cercando ancora informazioni che riguardino questo MUD, se e’ una delle tante stelle mai nate nell’assai ricco firmamento italiano, o se il progetto si e’ discostato dalla pagina web.

Riflettori sui MUD #001

MUD piu' o meno nuovi

Piu’ luminose sono le aspettative di chi si imbatte in Leggende Arcane, anche se lo staff e’ stato ridotto all’osso (solo Helios e’ rimasto all’opera), il forum sembra vivacemente popolato e, almeno in superficie, sembra che si stia covando qualcosa.

Riflettori sui MUD #001

MUD piu' o meno nuovi

Sono piovute, invece, subito novita' (basta consultare MUDItalia per avere maggiori dettagli) per quanto riguarda DeathLand: anche questo MUD e’ nato nel 2002, grazie a Mix. Il MUD e’ attivo e Mix stesso ha dichiarato di lavorarci costantemente; non bisogna percio’ fraintendere l’immobilita’ del sito web che, nonostante sia ufficiale, e’ rimasto fermo al 2002 ed e’privo di aggiornamenti.
DeathLand necessita ancora di grosso lavoro: molte cose sono ancora in inglese e l’impronta Smaug e’ ben evidente, ma, a meno di essere smentiti, questo lavoro presto o tardi verra’ fatto.

Riflettori sui MUD #001

Atlantis: la fine

Nell’ultimo periodo due eventi di grossa portata hanno coinvolto il mondo dei MUD. Il primo e' la caduta di Atlantis, il secondo e' la rinascita di The Gate.

TI POTREBBE INTERESSARE