SheepSheep 

Sheep Sheep

Ritorno dell'era bucolica<BR>

Cita il manuale del gioco:
"Migliaia di anni fa, gli antenati delle odierne pecore furono inviati alla scoperta della galassia da un lontano pianeta appartenente al sistema di Ovis Aries. Alcune di queste esploratrici approdarono sulla Terra: la loro missione era popolare il nostro pianeta con queste mansuete e amorevoli creature, per poi studiare l'uomo e il suo habitat.
Le pecore aliene dimenticarono però presto la loro missione, iniziando a sguazzare nei prati e a crogiolarsi al sole, e diventarono ben presto quegli animali mansueti e teneri che tutti noi conosciamo.
Ora gli antenati delle pecore sono tornati sulla Terra per riportare a casa le loro "pecorelle smarrite". Per ottenere questo hanno rapito quattro abitanti della Terra, che avranno il compito di radunare tutte le pecore e portarle sul Monte Mouflon per il ritorno a casa.
A ostacolare questi piani c'è però il Dottor Watson, che vuole acquisire la tecnologia aliena delle pecore con lo scopo di dominare l'universo. Per far questo ha reclutato numerose persone, fra cui anche il malvagio Mr. Pear e le sue mucche tirapiedi, che cercheranno di ostacolare in ogni modo le nostre simpatiche pecorelle nel loro cammino verso casa.
"

Ed eccoci qui, al comando di uno dei quattro indomiti pastori soggiogati dalla forza aliena, nel tentativo di portare quante più pecore possibili allo storico incontro con i loro avi stellari.
Il gioco è una sorta di "Lemmings" ovino in cui saremo impegnati nel condurre attraverso percorsi via via più impervi le nostre pecorelle tentando di non farle perire sotto le costanti minacce presenti nei livelli, sforzi i nostri che saranno messi in difficoltà anche dal comportamento stesso delle pecore che, come natura vuole, sono degli animaletti carini, morbidi… ma estremamente stupidi!

Sheep Sheep

Ritorno dell'era bucolica<BR>

Ed è proprio la stupidità e la codardia di questi esserini ad essere l'elemento cardine del gioco.
I programmatori della Empire infatti si vantano di essere riusciti a realizzare il primo vero motore di A.S. ovvero di Artifical Stupidity (stupidità artificiale per i non anglofili), motore che riuscirà a far fare le cose più idiote alle nostre belle pecorelle, come ad esempio l'andare ad annusare delle mine o scoprire quale arcano segreto si cela dentro quello strano strumento che raccoglie il fieno e lo trita…
Al fine di evitare la prematura dipartita delle creaturine che dovremo proteggere potremo far conto solo sulle nostre capacità di pastori novelli, e dovremo quindi rincorrerle per direzionarle dove vogliamo, urlare per farle fermare o scappare via, avvicinarci di soppiatto per raccoglierle e poi lanciarle dove desideriamo, il tutto nel tentativo di condurle alla fine del livello e metterle in salvo dai vari pericoli.
In nostro aiuto verrà qualche volta anche lo scenario in cui ci troviamo mettendoci a disposizione degli add-on sia per noi (come ad esempio la radio che come il flauto del "Pifferaio magico" incanterà le pecorelle e ci farà seguire senza problemi) che per le pecore (come dei micro carri armati o macchinine che saranno usate per superare alcuni punti dei livelli).
Ad ostacolare i nostri sforzi, oltre alle avversità del terreno (acqua, fango…) ci sarà il cattivo di turno impersonificato in questo caso da Mr. Pear e dalle sue spietate mucche che tenderà tranelli di ogni sorta per fermare la nostra strada verso il Monte Muflone.
Per ogni mondo proposto dovremo mettere in salvo ben 4 tipologie di pecore, infatti da quando sono sbarcate sul nostro pianeta anche queste creature hanno subito un'evoluzione dividendosi in 4 famiglie ognuna con caratteristiche diverse, avremo quindi da gestire: la pecora classica detta "PASTORALE MODERNA", la pecora creata dall'industria al fine di produrre chili di lana detta "INDUSTRIALE MODERNA", la pecora metallara selvatica detta "A LANA LUNGA" e la pecora da laboratorio detta "NEO GENETICA".

Sheep Sheep

Ritorno dell'era bucolica<BR>

Ma parliamo ora delle impressioni che ci ha dato il gioco.
Il sistema di controllo è molto semplice ed intuitivo e richiede davvero poco tempo per essere appreso in maniera completa inoltre, per introdurre il giocatore alle vie dinamiche di gioco, sono presenti dei livelli di addestramento in cui ci verranno esposte tutte le opzioni utilizzabili dal nostro pastore ed in cui vengono presentate tutte le quattro tipologie di pecore.
I livelli sono molto colorati e sempre pervasi da una linea di umorismo e la difficoltà pare ben calibrata per quanto concerne l'avanzamento del gioco attraverso i 6 mondi proposti ognuno a sua volta composto da 4 livelli, più un livello finale appartenente all'extra mondo numero 7.
Gli ostacoli da superare si diversificano bene durante il percorso e si adattano all'ambientazione in cui ci stiamo movendo ed anche le soluzioni da attuare per superarli sono numerose e ben congeniate.
Il gioco quindi sembra davvero carino e dovrebbe assicurare un bel po' di divertimento e di tempo da passare di fronte allo schermo, sia per i possessori di PC sia della console PlayStation.
Il prodotto è localizzato per il mercato italiano ed adatto ad ogni tipologia di giocatore, dal bambino al nonno.
Ulteriori informazioni e commenti li rimandiamo alla review del gioco.

Ogni mattina un pastore si sveglia e sa che dovrà correre se non vorrà che le sue pecore siano schiacciate da camion, carbonizzate da fiamme o disintegrate da mine…
Ogni mattina una pecora si sveglia, e sa che il mondo è pieno di cose strane da vedere e provare… come ad esempio quelle scatole che si muovono, quei getti di calore o quelle cose luccicanti tonde messe a terra che producono quello strano suono… Bip… Bip… Bip…
Non importa che tu sia pecora o pastore… basta che sopravvivi!

TI POTREBBE INTERESSARE