Sin Episodes - Report dalla GDC 2006  0

Ecco il nostro primo test su strada di questo interessante FPS a puntate.

Telenovela videoludica

Uno dei segni distintivi dell'ultimo lavoro di Ritual è sicuramente il metodo di distribuzione. Proprio come molti avranno intuito dal nome del gioco, Episodes è un'opera ludica suddivisa in diversi capitoli acquistabili online tramite il servizio di digital delivery Steam.
Ogni singolo episodio costerà poco meno di 20 dollari e, secondo gli sviluppatori, dovrebbe durare tra le quattro e le sei ore di gioco. Un'altra caratteristica particolare di questo metodo di distribuzione è il fatto che la trama dell'intera serie potrà prendere una strada piuttosto che un'altra a seconda delle diverse scelte prese dai giocatori alla fine di ogni singolo episodio.

Seppure a differenza del titolo Valve, Emergence utilizzi uno stile visivo meno realistico e più personale (quasi fumettoso), già dopo pochi minuti di gioco la parentela con Half-Life 2 appare nonostante tutto chiara ed evidente. La visuale di gioco, sempre nitida e pulita, vanta un orizzonte visivo in grado di poter regalare orizzonti davvero mozzafiato. Non manca un ampio utilizzo - ma mai troppo invasivo - di tutti i più spettacolari effetti grafici offerti dagli shaders 2.0, pur senza offrirci l'implementazione della tecnica High Dynamic Range. Del resto, il particolare impiego di toni pastello unita ad una certa saturazione dei colori stessi forse mal si sarebbe adattato con l'utilizzo dell'HDR.
Il motore fisico, uno dei segni distintivi del Source Engine, viene sfruttato in maniera estensiva seppure non faccia certo gridare al miracolo. Durante il nostro cammino non mancheremo di trovare le ormai fin troppo abituali casse in legno (dove di tanto in tanto troveremo come regalo armi e munizioni) piuttosto che bidoni o barili vari. Piuttosto interessante l'implementazione dei danni ai mezzi meccanici. Siano essi automobili, piuttosto che furgoni o mezzi corazzati vedremo progressivamente cadere letteralmente in pezzi la carrozzeria del veicolo fino ad arrivare all'esplosione completa. A conti fatti tuttavia, l'interazione con lo scenario ci è apparsa molto più immersiva e pervasiva in Half-Life 2 che non in questo primo capitolo di SiN Episodes.

Buone notizie sul fronte degli algoritmi di scripting dell'intelligenza artificiale. Un poco come già accadeva in F.E.A.R. i nostri nemici si comporteranno dinamicamente in base all'evoluzione degli scontri a fuoco comunicando tra loro, ad esempio, la posizione del giocatore. Allo stesso modo, di tanto in tanto non mancheranno neppure di tirarci addosso oggetti trovati sullo scenario come le granate o calciandoci letteralmente addosso barili carichi di sostanze nocive. Tutto questo, unito al grande numero di nemici da affrontare contemporaneamente e al riuscitissimo level design delle mappe dovrebbe garantirci un livello di sfida alto e sempre molto divertente. A questo proposito, i programmatori di Ritual hanno sviluppato un particolarissimo sistema di bilanciamento automatico della curva di difficoltà che dovrebbe assicurare, a tutti, la possibilità di trovare proprio il livello di sfida più congegnale senza mai arrivare alla frustrazione.
In definitiva, il giudizio espresso da questa nostra prima e fugace prova sul campo è decisamente positivo. Pur senza ricercare livelli di profondità assoluta, SiN Episodes - Emergence si candida ad essere uno degli FPS più freschi e divertenti di questo 2006. Scaldate i vostri modem ADSL, ne varrà la pena.

Ospitato presso lo stand NVIDIA, "SiN Episodes - Emergence" forse non era il titolo più guardato dal pubblico, ma era sicuramente uno dei più giocati.
Dopo il controverso SiN - uscito nell'ormai lontano 1998 proprio qualche settimana prima di un certo Half-Life - i ragazzi di Ritual Entertainment hanno deciso di sfruttare tutto quello che di buono aveva a suo tempo offerto il titolo (la trama, il background e l'azzeccattisimo design grafico) cercando di fare tesoro dell'esperienza fatta per non ripetere gli stessi errori che resero SiN un mezzo capolavoro mancato.

Questo nuovo capitolo vedrà ancora una volta la scienziata più pericolosa del mondo, Elexis Sinclaire, alle prese con il suo desiderio di soggiogare il mondo intero, e l'unica persona in grado di contrastare la sua sete di potere: il colonnello John R. Blade. Scenario principale dello scontro tra i due acerrimi antagonisti sarà Freeport City: una città futuristica dove gli elementi architettonici sembrano ricordarci un particolare miscuglio tra San Francisco, New York e Tokyo.
In questo primo episodio, Blade tornerà in azione vestendo la divisa degli HardCops, la strike force creata proprio per combattere la SinTEK, la corporazione avviata da Sinclaire per fondare un nuovo concetto di umanità.
Ma Blade non sarà solo. Ad aiutarlo ci saranno JC, un hacker facente parte degli HardCops con un drammatico segreto da custodire e Jessica Cannon, una recluta in grado di infiltrarsi in qualsiasi area di massima sicurezza.