Starsky & Hutch  0

Tornano gli anni '70... la musica funky, la febbre del sabato sera, e due poliziotti sempre nelle strade alla ricerca dei più incalliti criminali.

Un po' di storia...

Era il 15 marzo 1979 quando la prima puntata di Stursky ed Hutch andò in onda in Italia su Rai2. E da quel giorno il mondo dei telefilm non fu più lo stesso. A decretare il successo della serie contribuirono molti fattori, a cominciare dai due protagonisti, dal carattere molto diverso: Hutch costituiva il personaggio serio, introverso ed estremamente abile con le donne, mentre Stursky era l’impulsivo, fiero proprietario del “pomodoro a strisce” e decisamente più naive del collega. Al loro fianco la produzione schierò due ottimi caratteristi per interpretare due ruoli di contorno, ma non meno importanti per dare tono alla sceneggiatura e per poter creare gag con i due protagonisti: il comandante del dipartimento mai contento del lavoro svolto (almeno fino alla fine dell’episodio) interpretato da Bernie Hamilton, ed Haggy Bear (Antonio Fargas), l’informatore sempre impastato in affari loschi, ma sempre disposto a dare una mano ai nostri sbirri. La formula vincente era poi condita con tanta azione, sparatorie ed inseguimenti per le vie di Bay City (città immaginaria nella quale si svolgeva la storia). Colonna sonora anni Settanta ed abbigliamento casual che ricalcava il gusto dell’epoca hanno fatto poi il resto, erigendo Starsky ed Hutch a mito della televisione americana.
Ma chi sono veramente? Che cosa hanno fatto prima e dopo essere diventati famosi? Paul Michael Glaser (Starsky) è nato il 25 Marzo 1943, nel Massachussetts. Esuberante fin da ragazzino, è spronato dalla stessa famiglia ad intraprendere la carriera di attore. Prima di interpretare la parte del famoso poliziotto, gli vengono assegnate alcune apparizioni minori in altre produzioni, come ad esempio la serie del tenente Kojak. La sua vita, al contrario della carriera, non è stata delle più rosee… si è infatti sposato una seconda volta dopo che la prima moglie è stata stroncata dall’ AIDS, avendo comunque prima infettato i due figli, uno dei quali è morto all’età di 7 anni.
David Soul (Hutch), anch’egli del ’43 (28 Agosto), nasce a Chicago. A causa del lavoro del padre è costretto a viaggiare molto, soprattutto in Europa. Nonostante ciò, la sua formazione culturale risulta molto completa, con una particolare predisposizione verso le lingue. Oltre alla carriera di attore (ricordiamo “le strade di San Francisco”, telefilm nel quale era il protagonista), David Soul ha imboccato anche quella di musicista, riscuotendo un discreto successo come cantante e riuscendo addirittura a toccare il vertice delle classificche americana.

Come si gioca?

La version preview in possesso della redazione era in uno stato alquanto embrionale, e il gioco poteva essere visualizzato soltanto in finestra, cosa che ha fatto perdere allo stesso buona parte dell’ atmosfera. È stato comunque sufficiente a fornire una prima idea sul gioco,anche se ancora molto prematura.
Un driving game dicevamo, nel quale avremo la possibilità di comandare sia Starsky (al volante), che Hutch (alla pistola). Già, ma in che modo? Semplice: guideremo la macchina fino ad essere abbastanza vicini al sospetto e a quel punto, con la pressione di un tasto potremo CERCARE di colpirla…il mirino sarà automatico, per dare la possibilità al giocatore di fare entrambe le cose senza impazzire. Ovviamente più si terrà stabile la macchina, e più il colpo risulterà preciso. Ad ogni colpo andato a segno, verranno aggiunti al timer 5 secondi e si abbasserà la barra di energia del sospetto, che una volta raggiunto lo zero esploderà, portando noi alla vittoria. Nel caso fosse il timer a raggiungere lo zero, beh, avremo perso. La città sarà divisa in varie zone, tutte comunque abbastanza estese…si passerà dalla periferia al centro. Sarà disseminata di bonus vari che avranno gli effetti più disparati: il turbo, la “super aderenza”, la sirena (per far spostare il traffico) eccetera.
Questa sarà la modalità principale. Si potrà comunque decidere di gironzolare per la città senza meta, oppure sbloccare delle modalità speciali attivabili col proseguire del gioco…

Tecnicamente parlando

Come anticipato, la versione preview era giocabile solamente in finestra, per di più molto ridotta…Quindi dal punto di vista grafico non è possibile esprimere un giudizio definitivo…diciamo comunque lo stile si potrebbe definire “molto piacevole e dettagliato”. La localizzazione è in italiano, mentre per il sonoro, oltre ai soliti effetti quali sgommate, sirene e colpi di pistola non si sente. La colonna sonora è piacevole ma un po’ ripetitiva. È comunque probabile che tutti questi aspetti verranno ritoccati nella versione definitiva. La macchina utilizzata per la prova è stata un AthlonXP 1900+ con 256DDR e GeForce Ti4200, sulla quale non ha evidenziato problemi di sorta, rallentamenti o incertezze del motore grafico (nonostante il codice fosse ancora tutt’altro che ottimizzato).

Promosso, bocciato o rimandato?

Troppo presto per dirlo. È un gioco senza dubbio molto interessante, che non mancherà di appassionare tutti gli amati della serie TV nonché tutti coloro che hanno una predisposizione per i giochi in stile arcade o comunque per i coin op. Per la recensione definitiva dovrebbe essere questione di giorni…non siate impazienti!

Starsky ed Hutch sono tornati pronti a farci rivivere in prima persona le loro avventure. I ragazzi della Empire Interactive hanno in programma di farci trovare sugli scaffali un videogioco a loro dedicato a partire dal 20 giugno di quest’anno, intitolato appunto “Starsky & Hutch” (strana coincidenza...). Che genere poteva essere se non un driving game? Il gioco si basa sulle gesta dei poliziotti che hanno creato una sorta di culto intorno a loro grazie all’omonima serie televisiva girata tra il 1975 ed il 1979. Preparatevi ad avere quindi per le mani un gioco in cui si mischiano sparatorie, inseguimenti ed incredibili acrobazie, il tutto accompagnato da una accattivante colonna sonora rigorosamente “Seventy”.
Il gameplay si dividerà in 19 missioni tutte ambientate nell’immaginaria città di Bay City che , a detta degli stessi sviluppatori, sarà “altamente dettagliata e caratterizzata”…e dalle foto sembra che non ci deluderanno. Le missioni saranno varie: dal trasporto di personaggi importanti da un punto all’altro della città, al cercare di sventare una rapina in banca; dai classici inseguimenti in macchina alle più macchinose sparatorie in corsa.
Il gioco non prenderà spunto da nessun episodio in particolare della serie TV, ma piuttosto cercherà di ricrearne l’atmosfera.