Stuntman  0

Dai creatori di Destruction Derby e Driver arriva Stuntman! Un gioco pazzesco che ci porterà dietro le quinte dei migliori film d'azione di Hollywood. E allora Ciak si gira!

Cinema che passione!

Nel gioco vestiremo i panni di uno stuntman professionista impegnato nelle riprese di alcuni tra i più famosi film di Hollywood. I mezzi a nostra disposizioni saranno i più vari possibili, oltre alle classiche auto anni ’70, in alcune scene infatti saremo anche alla guida di pesanti carri armati, mezzi cingolati o semplici motorette alla “ape cross”. Lo scopo è quello di portare a termine precise evoluzioni assegnateci dal regista, ovviamente ognuna di esse è caratterizzata da un’incredibile spettacolarità. Inizieremo con filmetti a basso costo, per lo più polizieschi, fino a prendere parte a film di successo come James Bond, Indiana Jones, Terminator o guidare il mitico “generale” di Bo e Luke. Il gioco è strutturato quindi in missioni a punti e la buona esecuzione della scena ci porterà ad accumulare soldi e bonus con i quali potremo comperare rampe e quant’altro per arredare una nostra personale arena, dove compiere tutte le evoluzioni preferite.

Per fortuna è solo un gioco

L’idea di dover effettuare dei singoli ciak, così come avviene sui veri set cinematografici, potrebbe indurci a pensare che il gioco sia caratterizzato da continue interruzioni. All’inizio sarà effettivamente così, ma tutto ciò servirà al giocatore per prendere confidenza e per accumulare i primi spiccioli, ma progredendo nel gioco, i ragazzi di Reflections hanno pensato bene di includere scene di film davvero lunghe, in cui dovremo effettuare un notevole numero di evoluzioni consecutivamente prima di portare a termine la scena, così da rendere le missioni lunghe e sempre più difficili. Durante i veri ciak dei film, le scene sono continuamente spezzettate e poi successivamente montate in base alle idee del regista; questo ovviamente non avrebbe giovato a Stuntman, ecco il perché di alcune missioni della durate di parecchi minuti, che nonostante siano poco realistiche, garantiscono un incredibile divertimento.

Occhio ai cameramen!

Una parte fondamentale del gioco la faranno certamente le telecamere che saranno sparse un po’ ovunque, facendo da ostacolo ma anche da fonte di punti. Prima di ogni ciak ci verrà mostrata la sequenza da compiere e saranno segnalate tutte le telecamere presenti sul set. Ovviamente lo scopo del gioco non è quello di colpire le telecamere, bensì quello di passarci il più vicino possibile per rendere la scena più spettacolare. Ad agevolare il difficile compito ci penserà una sorta di segnaletica lampeggiante e il regista stesso, che tramite cuffia ci indicherà il nostro compito. Al termine della sequenza, una percentuale ci segnerà la valutazione della nostra “interpretazione” e se avremo raggiunto un buon punteggio potremo ammirare la scena finale del film con dei fantastici replay composti da sequenze in Computer Grafica mischiate alle nostre evoluzioni.

Realismo prima di tutto

Ciò che rende Stuntman un gioco di altissimo valore è certamente il realismo. La cura che gli sviluppatori hanno messo nel ricreare alla perfezione i danni ai veicoli è assolutamente incredibile. Tutto è riprodotto con assoluta fedeltà, dalla rottura dei vetri alle lamiere contorte, dagli scenari curatissimi agli interni delle auto, fino alle esplosioni che finiranno per arrostire inevitabilmente il vostro mezzo, la fisica degli incidenti arriva ad un realismo forse mai toccato da nessun gioco prima d’ora. Visto il “poco rispetto” con cui vengono trattate le automobili nei giochi dei Reflections, anche in Stuntman non vedrete mai veicoli reali o marchi prestigiosi di automobili, ma gli sviluppatori si sono chiaramente ispirati ai modelli realmente esistenti; un esempio molto lampante è dato dalle scene ispirate ai film di James Bond, in cui l’immancabile Aston Martin, pur con qualche differenza, è molto riconoscibile.

Ma quanto ci vuole?

Graficamente parlando, Stuntman promette di essere uno dei titoli più innovativi mai apparsi sulla console di Sony. Il lunghissimo sviluppo, che ha oramai ampiamente superato i 2 anni, ha permesso agli sviluppatori di imparare ogni più piccolo segreto della PS2. Il motivo di questa lunga attesa è da imputare soprattutto all’iniziale difficoltà che gli sviluppatori hanno avuto in fase di programmazione per via degli infelici kit di sviluppo rilasciati inizialmente da Sony. Stuntman è infatti uno dei primi giochi annunciati per PS2, ma a causa di un primo motore grafico non all’altezza e alla voglia di mettere sul mercato un prodotto cosmeticamente perfetto, il tempo di sviluppo si è inevitabilmente protratto. L’uscita infatti è stata più volte rimandata, inizialmente previsto per Giugno, Stuntman è stato recentemente posticipato a Settembre da Infogrames, a quanto pare per lasciar spazio a V-Rally 3 della stessa Infogrames. Ovviamente l’attesa sarà ampiamente ripagata, perché Mister Edmonson ha tutte le intenzioni di regalarci un gioco a cui difficilmente noi videogiocatori potremo rinunciare!

Un' idea pazza

C’è chi nella vita nasce e cresce con le più svariate fissazioni, che possono andare dai banali collezionismi fino ai più estremi fanatismi. I ragazzi di Reflections hanno, senza ombra di dubbio, un amore innato per le automobili, ma non per il loro aspetto innovativo o per la loro bellezza estetica, la loro visione dell’automobile va infatti più affondo… ma così affondo da arrivare fin dentro le lamiere! Il fanatismo di questi sviluppatori è rivolto soprattutto alle vecchie auto anni settanta, come quelle ammirate in Starsky e Hutch o Dukes of Hazzard, coinvolte in spettacolari incidenti, tutto condito da un taglio altamente cinematografico. I principali lavori dei Reflections non sono di certo passati inosservati. Se torniamo indietro di qualche tempo, su PSOne, ricorderemo certamente 2 splendide serie di successo come Destruction Derby e Driver che rendono ampiamente idea delle basi su cui nasce Stuntman, ultima e nuova fatica dei Reflectios, in arrivo per PlayStation 2. Destruction Derby era un gioco caratterizzato da corse furibonde con spettacolari incidenti e danneggiamenti delle auto, mentre Driver era un gioco chiaramente inspirato ai classici film polizieschi anni ’70. Stuntman può essere considerato un incrocio tra questi due titoli ma non solo… il gioco infatti riprende gli spettacolari incidenti di Destruction Derby e ci porta di nuovo dentro ad un film come con Driver… ma stavolta più che “dentro”, Stuntman ci porterà “dietro le quinte” dei più spettacolari set cinematografici. L’idea di Stuntman nasce dalla mente “perversa” di Martin Edmonson, boss di Reflections, che sin da bambino è cresciuto ipnotizzato dagli inseguimenti in auto dei telefilm polizieschi.