Tokyo Game Show 2005[TGS 2005] Ecco a voi Talkman! 

Il primo traduttore interattivo arriva su PSP, superate tutte le barriere linguistiche assieme a Max e Talkman!

[TGS 2005] Ecco a voi Talkman! [TGS 2005] Ecco a voi Talkman! [TGS 2005] Ecco a voi Talkman!

La nuova creazione di Sony Japan si prefigge quindi lo scopo di essere un traduttore più frivolo, da sostituire ai tradizionali libricini con frasi preimpostate che si possono acquistare praticamente ovunque. Il gioco verrà venduto assieme ad un microfono, che andrà inserito sulla porta USB di PSP. Una volta lanciato il gioco/applicazione, potremo pronunciare le frasi nella nostra lingua, e il riconoscimento vocale farà il resto, interpretando la frase e traducendola nella lingua scelta. All'interno di Talkman sono codificate oltre tremila frasi differenti, raggruppate in tredici scenari che rappresentano situazioni tipo nella vita di tutti i giorni (in aereo, al ristorante e così via). A fare da tramite a questa traduzione ci pensa appunto Max, che con alcune simpatiche scenette chiede di pronunciare la frase da tradurre, cerca all'interno del database del gioco e poi la traduce, esibendosi in uno sketch a tema (se ad esempio chiederemo ad una persona di uscire, tradurrà la frase e offrirà, virtualmente s'intende, un fiore). Ovviamente è sempre possibile selezionare le frasi direttamente sulla console senza pronunciarle, ma dalle prove fatte nella presentazione (anche da parte di uno dei giornalisti presenti) il sistema di riconoscimento ci è parso molto buono.

[TGS 2005] Ecco a voi Talkman! [TGS 2005] Ecco a voi Talkman! [TGS 2005] Ecco a voi Talkman!

Non mancherà la possibilità di mettere tra i preferiti le frasi che useremo più frequentemente, oppure di scorrere le ultime frasi usate, nell'ottica di ottenere rapidamente una traduzione nel linguaggio scelto. Talkman offre anche diverse aggiunte rispetto alla traduzione vera e propria, che vanno dal convertitore di unità fino alla sveglia personalizzata (il tutto sempre condito dall'umorismo del personaggio principale). Interessanti appaiono infine due modalità, la prima che con una serie di domande aiuta a memorizzare la fonetica di frasi pronunciate in altre lingue, la seconda invece che aiuta a migliorare la pronuncia delle frasi stesse.
La versione che uscirà per il mercato Giapponese disporrà di quattro lingue, ovvero Giapponese, Inglese Americano, Koreano e Cinese e sarà possibile tradurre le frasi in tutte le direzioni. Il producer Yamamoto ci ha assicurato che è in fase di sviluppo anche la versione con tutte le principali lingue Europee, tra le quali dovrebbe esserci anche l'Italiano.
Dopo aver assistito alla presentazione approfondita del prodotto, possiamo dire che Talkman sembra realizzato sicuramente bene dal punto di vista puramente tecnico, ma dubitiamo che possa servire realmente nelle situazioni di tutti i giorni, quando capita di ricevere risposte improvvise e articolate. Potrebbe però rivelarsi utile per chiedere informazioni basiliari e come scuola per perfezionare la propria pronuncia od apprendere i termini di uso più comune. Aspettiamo di poter mettere le mani sulla versione Europea di Talkman, che ad ogni modo rappresenta un prodotto perlomeno interessante e curioso.

[TGS 2005] Ecco a voi Talkman! Mi presento, il mio nome è Max e vivo all'interno del gioco Talkman. Sono un inguaribile donnaiolo nonchè poliglotta, viaggiare per il mondo non mi spaventa! Il mio padrone purtroppo non è come me, e ha seri problemi con tutte le lingue che non siano la propria. L'altro giorno eravamo a Tokyo, nel distretto di Shibuya per la precisione, quando ha visto da lontano un bel gruppo di ragazze locali, sole, intente a chiacchierare. Si è avvicinato con un sorriso a trentasei denti ed ha esclamato in inglese "Hi!", alzando la mano. Le ragazze lo hanno sorriso e salutato con la mano, per poi rimanere impassibili (non sapevano un'acca d'inglese...). Il sorriso a trentasei denti del mio padrone è andato man mano scemando, perchè non sapeva cosa dire e cosa fare...se avesse saputo il Giapponese per lui si sarebbero aperte tante nuove strade! I suoi insuccessi sono però adesso finiti, basta avere me ed una PSP, il mio padrone dirà qualsiasi frase in Inglese, e io la tradurrò per lui in Giapponese sia sullo schermo che a voce...addio tempi bui!

Questo è, in estrema sintesi, il concetto che sta alla base di Talkman e che ci ha illustrato il producer del gioco Yoshiteru Yamamoto, del quale abbiamo parafrasato l'introduzione, durante la presentazione del gioco.

TI POTREBBE INTERESSARE