[TGS 2006] Forza Motorsport 2 - Approfondimento  0

Abbiamo incontrato Chris Lee di Microsoft per farci guidare alla scoperta di Forza Motorsport 2 attraverso il primo vero demo giocabile mostrato a porte chiuse.

Questione di grafica

Diciamo subito che il titolo al momento non è proprio uno splendore: Chris Lee, il Group Product Manager di Microsoft che ci ha mostrato il titolo giocato, ha infatti esordito nella presentazione mettendo le mani avanti. Il motore grafico è al 60% della qualità visiva potenziale ed il frame rate è ancora ben lontano dal definitivo. Ed infatti il gioco sembrava girare a non più di 20 FPS e numerose texture a bassa risoluzione accompagnavano gli ottimi modelli dei veicoli ed un'attenzione al dettaglio delle ambientazioni e del bordo stradale di prim'ordine.
Tuttavia Lee è stato categorico nel rassicurarci che il titolo nella sua versione finale girerà a 60 frame al secondo sia in single che in multiplayer ed ovviamente la grafica sarà di altissima qualità ed interamente in alta risoluzione.

Le luci e le ombre sono apparse già complete nelle loro interazioni con le vetture e l'ambiente circostante e, a detta degli sviluppatori, l'unica feature che rimane da implementare è il self-shadowing che dovrebbe migliorare ulteriormente il rendimento delle zone prive di luce.
Eccellente è poi la dinamicità dell'ambiente circostante i tracciati: l'erba è realizzata con modelli tridimensionali che risultano soggetti agli spostamenti d'aria e si muovono secondo il vento e tutta una serie di elementi di contorno sono realizzati con un certo grado di randomizzazione per non apparire mai uguali tra loro: i cordoli ad esempio o le barricate che delimitano i confini della pista sono tutti diversi l'uno dall'altro: non si tratta di uno o due modelli ripetuti all'infinito per tutto il tracciato.

questa estrema cura riversata nei modelli delle vetture consente a Forza Motorsport 2 di raggiungere nuove vette di realismo nel calcolo dei danni

Questione di grafica

Come abbiamo detto poco prima, ciò che impressiona veramente sono però i modelli interamente tridimensionali delle vetture. Come già avveniva nel primo Forza Motorsport, le automobili saranno completamente poligonali ma l'attenzione al dettaglio ha portato il team a spingersi oltre: persino i gruppi fari sono composti da poligoni e, attraverso zoomate molto ravvicinate, è possibile apprezzare ogni più piccola componente del sistema di illuminazione di ogni macchina: dai cilindri metallici per le riflessioni alle lampadine, ogni pezzo con la propria ombra calcolata e proiettata.
Questa estrema cura riversata nei modelli delle vetture consente a Forza Motorsport 2 di raggiungere nuove vette di realismo nel calcolo dei danni.

Sportellate, cofanate e parafangate

Come Chris Lee ci ha fatto giustamente notare, avere una realizzazione grafica delle vetture così curata, consente in primis una gestione dei danni che può coinvolgere l'intera automobile. Vedremo così le vetture che vengono graffiate dall'impatto con le barricate ai lati della strada (che a loro volta, in modo molto realistico, si colorano della nostra tinta), un sistema particellare gestisce in modo forse troppo appariscente l'apparizione di scintille e frammenti durante gli scontri e la macchina perde pezzi durante gli urti: il cofano, i parafanghi, persino le ruote o gli specchietti, oltre a subire danneggiamenti via via progressivi al parabrezza ed ovviamente ai gruppi fari così accuratamente ricreati per l'occasione.
Ovviamente tanto realismo grafico sarà accompagnato anche da modifiche sostanziali sulle performance di guida che subiranno malus via via più fastidiosi al crescere dei danni portati alla nostra vettura.

Siamo rimasti poi particolarmente contenti nell'appurare che tutte le vetture saranno danneggiabili, comprese le migliori auto sportive ed esotiche che le case automobilistiche possono offrirci: vedere Lee mentre se ne andava in giro a bordo di una Lamborghini Gallardo con il solo scopo di fare frontali contro muri e guard rail ci ha trasmesso un piacere perverso. E gli effetti erano ben visibili: ammaccatture piuttosto pesanti, specchietti andati, vetri in frantumi...
Ma non è proprio tutto oro quel che luccica: ogni singola vettura ha il proprio sistema di danneggiamento studiato a tavolino per far sì che non tutte le vetture siano distruttibili allo stesso modo, alcune si danneggeranno in maniera maggiore, altre invece saranno molto più resistenti o non subiranno danni in determinati punti. Questo ovviamente per venire incontro alle richieste delle varie licenze ma, comunque, le ricadute sulle performance di guida si avranno in tutti i casi.

Qualche numero non fa mai male

Forza Motorsport offrirà un parco macchine di più di 300 vetture selezionate praticamente da ogni mercato. Ci saranno macchine di tutti i giorni nelle loro versioni più performanti, berline, vetture esotiche e le sportive più appariscenti: dalla Ferrari alla Porsche, passando per le BMW, le Peugeots, le Toyota, le Lamborghini e così via.
Per quanto riguarda invece i tracciati, i numeri si fanno più nebulosi. In questo demo mostrato a porte chiuse era presente il solo circuito giapponese di Tsukuba e Lee è stato in grado di dirci che il sequel avrà sicuramente più tracciati del primo Forza Motorsport anche se un numero definitivo non è confermato. Ogni percorso offrirà inoltre più configurazioni per offrire una sorta di sfida via via crescente (ad esempio un tracciato potrà essere affrontato in una versione corta, una lunga, al contrario e così via). In totale queste diverse configurazioni, che dovrebbero dare grande versatilità specie al multiplayer, dovrebbero essere circa 60.

Ti sfido!

Per quanto riguarda il multiplayer, di sicuro sappiamo soltanto che saranno supportate 12 vetture contemporaneamente online ed è in via di implementazione una particolare modalità Foto che consentirà di uploadare attraverso il gioco direttamente sul sito ufficiale di Forza Motorsport degli screenshot scattati in game, in modo tale da poterli condividere con i propri amici, semplicemente facendoli puntare ad un determinato indirizzo su Internet. Una sorta di raccolta ufficiale di screenshot amatoriali per dirla brevemente.

Inoltre grande spazio sarà lasciato alla personalizzazione della propria vettura che sarà customizzabile attraverso un editor particolarmente potente (ma che non ci è stato mostrato) di livree. Non solo sarà possibile aggiungerne un numero tendenzialmente infinito sulla propria vettura (che sarà scomponibile in decine di strati per l'applicazione di questi disegni sulla carrozzeria) ma, a quanto pare, queste livree potranno anche essere create ex novo dall'utente.
In questo modo le vetture in gara, durante le partite in multiplayer, non potranno mai assomigliarsi anche se magari il modello e il colore di base è lo stesso tra due o più utenti.

Meglio del previsto?

Forza Motorsport 2 è in sintesi la più diretta e conseguente evoluzione del suo predecessore che è stato letteralmente utilizzato come punto di partenza per delineare ogni aspetto del sequel.

è inoltre presente una nuova telecamera in game, posizionata direttamente sul cofano per apprezzare un'ulteriore visuale di gioco

Meglio del previsto?

Ci troveremo quindi di fronte ad una nuova simulazione particolarmente realistica nella fisica e nel modello di guida che non chiuderà però la porta ai principianti o a chi non è propriamente affine al realismo eccessivo con tutta una serie di aiuti già visti nel primo Forza Motorsport: dall'ABS al controllo della trazione alle apprezzatissime linee guida per affrontare ogni curva con la traiettoria migliore. Linee guida che saranno dinamiche e assumeranno una gradazione di colore dal verde al rosso in base a quanta accelerazione potremo applicare al nostro mezzo durante le curve.
E' inoltre presente una nuova telecamera in game, posizionata direttamente sul cofano per apprezzare un'ulteriore visuale di gioco.
Lo sviluppatore ci ha confermato che ci saranno contenuti scaricabili successivamente all'uscita del gioco: sicuramente nuove vetture e nuovi tracciati ma non sono da escludere anche nuove modalità di gioco multiplayer o persino single player anche se al momento non ci sono progetti sulla natura di questi download: se saranno cioè a pagamento o gratuiti. Una strada per perseguire quest'ultima ipotesi su cui sta lavorando il team, è di far sponsorizzare i download magari proprio dalle case automobilistiche ma per ora tutto rimane soltanto sulla carta.
Poco possiamo dire in merito all'intelligenza artificiale che ci è stata confermata come pesantemente riscritta per ovviare alle numerose deficienze del primo Forza: ora le vetture controllate dalle CPU dovrebbero mostrare più stili di guida diversi e tattiche più raffinate, questo in parallelo alle licenze ufficiali dei piloti reali che sono in fase di acquisizione.

Peccato invece per la totale mancanza di una simulazione del tempo metereologico o del ciclo giorno-notte. Anche in questo sequel insomma, avremo a che fare solo ed esclusivamente con belle giornate di sole.
Ma, per finire in bellezza, Lee ci ha mostrato il nuovo volante wireless con force feedback di Microsoft per Xbox 360: la periferica sarà ovviamente supportata dal gioco che, addirittura, sarà probabilmente il titolo che la sfrutterà al meglio visto che il team di realizzazione dell'hardware sta lavorando a stretto contatto proprio con i ragazzi di Forza Motorsport 2 per potenziare al meglio l'esperienza di guida.
Pensate che tutto questo vi possa bastare per rimanere con il fiato sospeso nei mesi che ci separano dall'uscita del gioco?

Dopo un filmato di pura prestanza grafica interamente in CGI e le successive prime foto ingame che non avevano propriamente fatto gridare al miracolo (anzi...), in diversi avevano iniziato a preoccuparsi sulla reale qualità di questo attesissimo sequel, specie alla luce di un'uscita inesorabilmente sempre più vicina.
E invece, potete iniziare a rilassarvi, visto che averlo visto in movimento in un appuntamento privato con Microsoft al Tokyo Game Show 2006 è stata per noi una gradita sorpresa: Forza Motorsport 2 ha i muscoli e sa farli vedere.
Ma aspettate a saltare dalla gioia perchè c'è anche un rovescio della medaglia a tante potenzialità finalmente espresse: il gioco è slittato decisamente in avanti e non sarà sul mercato fino al primo quarto del 2007 (questo vuol dire che da Dicembre se ne riparla ad un periodo compreso tra Gennaio e Aprile e, sicuramente, più vicino a quest'ultimo mese che al primo).
Ma scopriamo con ordine tutte le novità del sequel.