The Bourne ConspiracyThe Bourne Conspiracy - Provato 

La carica adrenalinica di Jason Bourne è pronta ad esplodere!

La dignità di Jason Bourne

Nel mondo dei videogiochi esiste un clichè vecchio almeno quanto lo sfortunato E.T. per Atari 2600: le trasposizioni videoludiche di film e animazione non sono usualmente dei grandi titoli. I tempi di gestazione decisamente più brevi delle pellicole, rispetto ai giochi, non permettono agli sviluppatori di creare prodotti così raffinati quanto potrebbero essere, proprio per sfruttare la contemporaneità dell'uscita di entrambi i media sui mercati e la relativa pubblicità. Il fatto che Bourne fosse una trilogia ha però allungato decisamente questi tempi, dando maggiori possibilità creative e di sviluppo alla software house che se ne sta occupando ormai da più di due anni: High Moon Studios. Lo studio Californiano, famoso per lo più grazie allo sparatutto horror Darkwatch su Xbox e Playstation 2, ha ormai superato la fase di testing e si appresta alla masterizzazione di massa. Durante la sua gestazione, il loro Bourne Conspiracy ha subito grandi cambiamenti e miglioramenti, fino ad arrivare ad oggi, a ridosso dell'uscita prevista per questa estate, in forma decisamente più smagliante di quanto visto in precedenza.

Il gioco cavalca costantemente la trama del film, ma non la sfrutta mai in modo sfacciato

La dignità di Jason Bourne

L'Unreal Engine utilizzato è sfruttato a dovere, anche se non si tratta della sua terza versione ma probabilmente di una release precedente. Il gioco cavalca costantemente la trama del film, ma non la sfrutta mai in modo sfacciato, piuttosto gli episodi del videogame ne traggono ispirazione, senza però riproporre l'esatta sequenza d'eventi di quanto già visto e conosciuto. Sono state inserite molte missioni "flashback" legate al passato di Jason Bourne che aiutano a far capire meglio il profilo del personaggio e gli regalano un inedito spessore. Il "media" videogioco, in questo caso, trova la sua dignità andando ad integrare il "media" film, senza scimmiottare le stesse trame e personaggi. Un po' come quanto accaduto con Matrix, storia pensata e concepita per essere narrata attraverso molteplici livelli.

The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato

Le tre fasi di Bourne Conspiracy

Anche se The Bourne Conspiracy, per quanto rigurda la storia, non ricalca le esatte orme del film, ne viene però pesantemente ispirato per la creazione delle scenografie e della regia. Il gioco è un continuo susseguirsi di combattimenti e sparatorie, con una telecamera sempre in movimento che sottolinea la filmicità e la velocità dell'azione, proprio come se un cameraman ci seguisse costantemente e montasse la pellicola in diretta. La struttura di gioco, a livelli, non permette molta libertà di movimento e di esplorazione, ma non si tratta certo di una prerogativa di Bourne Conspiracy. Le fasi di combattimento sono una sorta di mini-gioco a picchiaduro 3D, un incrocio tra Tekken, Def Jam ICON (per la visione ravvicinata) e Condemned (per la fisicità degli scontri): colpendo ripetutamente l'avversario si attiva la possibilità di eseguire una combo oppure una mossa più potente;

colpendo ripetutamente l'avversario si attiva la possibilità di eseguire una combo oppure una mossa più potente

Le tre fasi di Bourne Conspiracy

Jason afferra l'avversario e lo scaraventa contro il primo oggetto, muro o vetro che trova accanto a sè: tutto l'ambiente di gioco può essere distrutto ed utilizzato a nostro vantaggio. Oltre ai tasti per attaccare c'è ovviamente anche la schivata, e la tecnicità di alcuni nemici rende queste sessioni di picchiaduro abbastanza impegnative. Le fasi sparatutto, invece, ricordano molto l'impostazione visiva della nuova generazione iniziata da Resident Evil 4 e proseguita con Gears of War, Dark Sector ed altri ancora. Visuale in terza persona, mirino in soggettiva e tasto per correre, ovviamente con una telecamera dinamica e spettacolare. Le due fasi principali di gioco, quella picchiaduro e quella sparatutto, sono intervallate da sessioni in QTE, nelle quali bisogna premere alcuni precisi tasti al momento giusto e con la dovuta tempestività. The Bourne Conspiracy è un action game particolarissimo e dalla propria, forte identità.

The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato

Motore, Ciak: azione!

Il taglio fortemente dinamico e cinematografico dato alle telecamere ed all'azione di gioco è persino più veloce, frenetico e hollywoodiano di videogames come Max Payne, Stranglehold ed Enter the Matrix, titoli palesemente mutuati dal mondo della cellulosa. Il motore grafico esegue il suo dovere fino in fondo: l'ottima coreografia del titolo riesce a mascherare bene alcune mancanze del motore 3D. Rispetto alla versione presentata allo scorso E3 sono stati però fatti passi da gigante nel migliorare la cosmesi di Bourne Conspiracy; in quasi un anno gli sviluppatori hanno perfezionato il frame rate, ora stabile a 30fps, potenziata la mole poligonale ed aggiunto numerosi elementi, ombre più raffinate, rifrazioni ed effetti ambientali. Le animazioni sono uno dei suoi maggiori punti di forza, risultando sempre fluide, ben catturate ma sopratutto sono tante, e se ne vedono sempre di nuove andando avanti nel gioco. Jason Bourne fa di tutto mentre cerca ripari (c'è un cover system), si sporge, spara, mira, corre, attacca, si difende ed esegue mille altre azioni, tutte ben legate tra loro con un'ottima soluzione di continuità, non facile da ottenere vista la quantità delle stesse. Non sveliamo particolari sulla trama, ma come ogni cospirazione che si rispetti sarà da seguire tutta d'un fiato. The Bourne Conspiracy sta per arrivare su Playstation 3 ed Xbox 360 e si appresta ad entrare di diritto tra i titoli action più interessanti dell'estate. A presto per la prova definitiva con la versione finale, che testeremo in sede di recensione.

The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato The Bourne Conspiracy - Provato

TI POTREBBE INTERESSARE