The Sims Online: la nostra vita su Internet  0

Preparate le valigie, allacciate i modem, la vostra vita si trasferisce su internet. The Sims Online promette miracoli da autentica imitazione di vita. Compra il tuo pezzo di terra, costruisci la tua casa, conosci i tuoi vicini (rigorosamente quasi umani), cercati un lavoro, innamorati, sposati e realizza i tuoi sogni. Naturalmente online.

Mi dia quel pezzo di terra.. lì!

The Sims Online è tanto geniale, quanto semplice: simulare la vita reale, ma non dalla nascita, bensì da un momento X della vostra vita, quello in cui decidete di andare a vivere da soli in un'altra città.
Da quel momento in poi la riproduzione di una vita media sarà quanto più verosimile possibile. Sceglierete la vostra città (ce ne sono 20 disponibili), un pezzo di terra su cui costruire e la vostra casa di partenza. Tutto sarà commisurato alla vostra dotazione di fondi iniziale (diciamo la vostra "dote"). Il resto ve lo dovrete guadagnare con il sudore della fronte, trovandovi un lavoro, che sceglierete sul giornale locale.
La qualità di casa e lavoro dipenderanno in seguito dalla vostra ricerca e capacità di scelta.
Eppure la parte più interessante non è questa, è piuttosto nella socializzazione, nella capacità che avremo di interagire con gli altri Sim- giocatori, assolutamente umani come noi, che come noi popoleranno la città.

Riunione di condominio

L'idea di base di The Sims, quella di costruire la casa delle bambole a misura d'uomo, è stata qui ripresa, allargata e sviluppata. Potrete muovervi nel quartiere, conoscere la gente, bussare alle loro case, farvi invitare.
Come? Semplicemente parlando. Quello che facevate prima con qualsiasi programma di chat, lo potrete fare qui, utilizzando i fumetti che appariranno sopra il vostro Sim-personaggio, ogni volta che digiterete sulla tastiera. Nè più, nè meno.
Con il tempo dunque creerete degli autentici gruppi di amici che potrete invitare per un barbecue nel vostro giardino virtuale, o per un party al chiuso. La personalizzazione della propria casa, attraverso l'acquisto o lo scambio di oggetti nuovi e usati, renderà sempre piacevole una visita.
Difficilmente avrete compagnia di Sims-personaggi bambini: nel gioco non sarà possibile interpretare giocatori con meno di 13 anni, questo per evitare polemiche e situazioni poco gradevoli.

Ma alla lunga, potrebbe risultare stancante fare feste, passeggiate, chiacchierate e sedute televisive in salotto? Direi di no, per almeno due motivi. Il primo motivo è legato alla dichiarazione della Maxis che intende proporre delle quest, ovvero delle avventure da risolvere insieme. Il secondo motivo è di natura "sociale": conoscere nuova gente non è mai noioso. E se non vi ha stancato la chat, perchè dovrebbe stancarvi The Sims Online?

Vuoi tu prendermi come tuo legittimo sposo?

Come in ogni simulazione di vita reale che si rispetti, c'è la componente sentimentale. Parlando parlando potrebbe accadere che ci si trovi particolarmente bene con un determinato giocatore (presumibilmente del sesso opposto), bene a tal punto da voler fare qualcosa in più di una semplice amicizia.
Quale migliore idea di andare a vivere insieme? Non voglio descrivere oltre le potenzialità di socializzazione, e lascio alla vostra immaginazione, considerando che nel primo The Sims è possibile avere bambini. Immagino anche che sarà lasciata ampia libertà agli utenti di personalizzare la fisionomia del proprio personaggio, così da poterla fare, al limite, anche identica a sè stessi.

1.000.000 di posti di lavoro

Se la parte "Arredamento e Socializzazione" non fa per voi perchè siete degli ambiziosi, nella città virtuale c'è spazio anche per gli imprenditori che si danno da fare. Si può infatti convertire la propria abitazione a discoteca e guadagnare sugli ospiti intervenuti. Oppure fare un'altra attività o essere assunti da un altro Sim-giocatore di successo, affermandovi così professionalmente nella sim-città.

Almeno sulla carta la Maxis non pone limiti alle idee dei videogiocatori. Considerando il successo di pubblico del Sims tradizionale (offline) non oso immaginare la risposta del pubblico a questa proposta online, in cui ogni personaggio fittizio controllato dal computer verrà sostituito da un personaggio in carne e ossa. Alla fin fine The Sims Online è e rimane un MMORPG, esattamente come lo è Ultima Online, ma difficilmente sarà confuso nella massa dei giochi fantasy. In TSO l'ordinario diventa straordinario. E se è vero, come è vero, che alternative a The Sims non ce ne sono (come tema), l'adesione ai 10$ (20.000 lire) mensili, che verranno quasi sicuramente richiesti per giocare sui server EA, sarà alta.
Con tutta probabilità sarà proprio The Sims Online a rompere il ghiaccio in Italia e dare il via ad una nuova generazione di videogiocatori, disposti a pagare per giocare online.

Voglio essere franco. Quelle che seguiranno sono solo valutazioni basate sulle informazioni rese note da Electronic Arts negli ultimi mesi. Per poter capire la reale portata di un gioco "massive multiplayer" come The Sims Online, bisogna giocarlo, e con molta gente. Questo non sarà possibile se non in un'eventuale campagna massiccia di beta testing che potrebbe avvenire il prossimo inverno. Per ora dobbiamo limitarci a fare congetture, capire fino a che punto potrebbe essere divertente una simulazione di vita reale, talmente reale che faremo le stesse cose che si fanno a casa tutti i giorni, e che spesso ci annoiano. Ma su internet tutto cambia.

E se la chat ha conquistato milioni di proseliti, cosa potrà fare questa sua drastica evoluzione?