World of WarcraftTom Tom Wow 

L'Atlante di World of Warcraft: altro che GPS!

Per una serie di ragioni, dovute soprattutto a questo microponte della Madonna, sono stato il primo a mettere le mani su una copia finita dell'Atlante di World of Warcraft, accessorio indispensabile per gli amanti del gioco Blizzard prodotto in Italia proprio da Multiplayer.it Edizioni (la divisione "cartacea" del sito dedicata a guide strategiche & affini).
Tom Tom Wow Questa produzione è per quantità, ma soprattutto per qualità, la più costosa e impegnativa fatta fino ad oggi. Chi di voi ci metterà le mani sopra noterà un volume particolarmente grande, più grande delle normali guide strategiche, con una copertina rigida (è o non è un atlante?) e carta di pregio, più pesante del normale. Il risultato sono poco meno di 200 pagine ricche di mappe disegnate a mano dalla stessa Blizzard dell'intero mondo di Azeroth, delle sue 42 regioni, delle città e dei campi, con un elenco completo di tutti gli NPC, dei nemici, delle risorse, dei trainer e delle bestie (nonchè la loro posizione sulla mappa). Le mappe contengono a loro volta le sotto-regioni, i collegamenti alle altre regioni e le posizioni di tutti i negozi e locande. Insomma, un Atlante da collezionare compresso in 19,90 euro: un miracolo considerando che per un lavoro simile (Half-Life 2 Dietro le quinte) non riuscimmo a scendere sotto i 29,90 euro. La troverete anche voi in tutti i negozi dalla prossima settimana, giusto giusto per Natale.

Tom Tom Wow Sempre in tema di World of Warcraft, che ci piace, annuncio in anteprima l'arrivo per il prossimo febbraio di un nuovo volume (che si va ad aggiungere all'Atlante e alla guida strategica): l'Arte di World of Warcraft. Un'opera incredibile di 208 pagine che raccoglie tutto il lavoro fatto dalla Blizzard per raggiungere la perfezione, dagli schizzi a china agli artwork e immagini mai utilizzati di tutte le otto razze, dei mostri, delle ambientazioni, dei panorami più altre rarità mai viste prima (come la Cartolina di auguri della Blizzard del Natale 2003). Una chicca imperdibile da collezionare, ma solo per veri appassionati.

TI POTREBBE INTERESSARE