Top Spin: quattro scambi su PC  0

Dopo Virtua Tennis 2 in arrivo per PC un altro grande gioco di tennis dall'impostazione prettamente arcade. Riuscirà Top Spin a scalzare dalla vetta del genere il rivale della Sega?

Una carriera folgorante

Se il bello di giocare un match singolo è la possibilità di guidare i tennisti più famosi del mondo su campi in cui è difficile anche fare da spettatori, il bello della modalità carriera è il potersi creare da zero un proprio giocatore portandolo ad essere uno dei nuovi leader della classifica. Scelta la fisionomia del nostro alter ego, grazie ad un sistema di modellazione fisica che non fa rimpiangere il più complesso dei MMORPG, e deciso il suo equipaggiamento iniziale saremo pronti per partire alla conquista del mond… ahem, alla volta dei più importanti tornei che si disputano in giro per il mondo. Più riusciremo a metterci in mostra vincendo match e scalando la classifica più otterremo riconoscimenti e, soprattutto, interessamento da parte degli sponsor. Nuovi sponsor significano più soldi. Più soldi significano la possibilità di acquistare nuovo equipaggiamento (da questo punto di vista Top Spin ha veramente molto da insegnare alla concorrenza) o quella di cambiare completamente look.
Ma veniamo al gioco in sé. Come detto poco sopra la versione Xbox era veramente eccellente dal punto di vista del gameplay (non per nulla è stata valutata con un bel 9 qui su Multiplayer): presentava un’IA degli avversari ben bilanciata capace di dare del filo da torcere anche quando si era fatta molta pratica; un sistema di controllo assistito che era allo stesso tempo intuitivo e spettacolare e infine la possibilità di scegliere fra molti tocchi differenti in modo da variare il più possibile l’azione di gioco. La versione PC sembra mantenere tutti i pregi della controparte per console. Utilizzare la tastiera per giocare è semplice e immediato anche se il joypad si rimpiange un po’, la grafica è molto buona con tennisti ben modellati e animati in modo grandioso, anche i diversi campi sono realizzati molto bene (sono tutti riproduzioni di campi da tennis esistenti).

La versione PC sembra mantenere tutti i pregi della controparte per console

Corde tese

Top Spin lo abbiamo già visto su Xbox ormai quasi un anno fa ed era stato decisamente un bel vedere. Molti lo considerano il più bel gioco di tennis arcade che sia mai stato realizzato, molto superiore al blasonato Virtua Tennis di Sega. Le sue qualità erano innegabili così come innegabile era l’impossibilità di trovargli dei difetti compromettenti per una valutazione più che positiva. La gioia di vedere un simile capolavoro convertito per PC è stata quindi grande. Quando si parla di conversioni ci si pone subito, però, una domanda fondamentale: riusciranno gli “adattatori” a sfruttare la macchina su cui stanno trasferendo il gioco in modo da non “creare” dei difetti che nell’originale non sussistevano? Riusciranno cioè ad evitare gli spiacevoli inconvenienti di natura squisitamente tecnica tipo quelli che vennero fuori nella conversione di Final Fantasy VII o, per fare un esempio più recente, in Thief: Deadly Shadows?
Avviando la versione preview di Top Spin si ha la gradevole sensazione di trovarsi di fronte precisamente a quello che si era provato mesi fa con la versione Xbox. Il gioco “giocato” è praticamente identico alla controparte console e ciò, considerato l’originale, è fattore veramente positivo. Ma non sbilanciamoci troppo in giudizi affrettati dato che non siamo qui per dare un voto. Nel menù principale potremo scegliere tra il disputare un match dimostrativo, organizzare un torneo personalizzato, giocare online o affrontare la modalità carriera. Ovviamente è in quest’ultima che Top Spin riesce a dare il meglio di se svelando il suo fulcro. Ma andiamo con ordine. Nel match dimostrativo dovremo inizialmente fare alcuni veloci settagli, decidendo il sesso dei partecipanti, il numero di set, il numero di game, se giocare in doppio o in singolo ecc. Successivamente andrà scelto il campo dove si disputerà l’incontro e, infine, i giocatori (o le giocatrici) che vi prenderanno parte, selezionabili tra una rosa di 16 professionisti (8 per ogni sesso) tutti appartenenti al gota del tennis mondiale. La modalità “torneo personalizzato” si spiega invece da sola: si dovranno decidere le regole di un vero e proprio torneo. Modalità ottima se si hanno a disposizione degli amici con cui sfidarsi.

Sinossi

Il respiro è profondo e affaticato. Il pubblico è silenzioso e guarda ghiacciato il moto della palla che va dalla mia mano al terreno e viceversa. Ogni tanto alzo gli occhi e osservo l’avversario che nella sua apparente concentrazione dissimula la paura della sconfitta. Le sue scarpe di marca e la sua fama di campione non lo salveranno. Non questa volta.
È il momento.
Lancio la palla in aria, alzo la racchetta e colpisco in modo deciso. Corro leggermente in avanti e mi sposto sulla destra. Alzo un po’ di polvere prendendo posizione. La palla sta tornando. Dritto. Corro nella direzione opposta. La palla sta tornando. Non credo ce la farò. Allungo il braccio. Riesco a colpirla per un soffio rimandandola nel campo dell’avversario che me la rispedisce con un rovescio poco preciso ma efficace. Sono in una posizione perfetta. La colpisco indirizzandola nella zona del campo opposta alla sua posizione. Lo vedo correre e gettarsi cercando di prenderla al volo. Ce la fa e riesce a rispedirmela. Ma la palla schizza in alto. Troppo in alto per non colpirla con tutta la forza che ho in corpo. Emetto un urlo, la vedo rimbalzare ferocemente senza che il campione biondo platino possa fare nulla per prenderla. Il rimbalzo è così forte che la fa finire tra il pubblico.
Ho vinto.

Sembra già primavera?

La versione d'anteprima che abbiamo provato è ancora piena di loghi Xbox e Xbox Live un po' ovunque, provenienti dalla versione in corso di importazione su PC. Ma è una versione preliminare e comunque non compromette assolutamente l'esperienza di gioco. Altro piccolo difetto, sempre non determinante, è la deformazione delle immagini 2D nei menù: sembrano effettivamente essere “stirate” per adattarsi a risoluzioni più elevate. Ripeto, sono annotazioni secondarie che speriamo di non dover fare nella versione definitiva specie per un titolo che aspira alla fascia alta delle votazioni.
Per mettere le mani sopra Top Spin e dare un giudizio esaustivo dovremo comunque attenderne la versione definitiva che arriverà in tutti i negozi alla metà di ottobre.