Valkyrie Profile 2: SilmeriaValkyrie Profile: Silmeria 

Il sequel di un classico per PlayStation sfavilla su PlayStation 2, per la gioia degli amanti degli RPG.

Valkyrie Profile: Silmeria Valkyrie Profile: Silmeria Valkyrie Profile: Silmeria

Che gioco è?

Imitando il prequel (o sequel?) per PlayStation, anche Silmeria è caratterizzato da un sistema di esplorazione, abilità e combattimento piuttosto bizzarro e inusuale. I dungeon e gli ambienti presentano una finta tridimensionalità: nonostante la poligonalità dei modelli, Silmeria potrà essere controllata direttamente su un unico asse, a mo' di platform, e saltando qua e là si dovrà usare la sua abilità di congelare i nemici (visibili immediatamente sullo schermo) e scambiarsi di posto con loro per risolvere numerosi puzzle. Nel momento in cui si entra in contatto con l'avversario, parte il canonico combattimento tra il party di Silmeria e il gruppo di nemici di turno.
Prima di tutto, bisognerà ingaggiare i nemici avvicinandoci a loro in un campo tridimensionale: questo permette di sfruttare strategicamente l'ambiente, gli ostacoli, scegliendo una posizione favorevole per l'attacco e magari cercando di evitare i colpi avversari. Al momento dello scontro vero e proprio, si tornerà a una visuale laterale, e si avrà controllo sugli attacchi dei vari membri del party, associati ai tasti del pad: coordinando bene gli attacchi, si potranno eseguire delle combinazioni inarrestabili che talvolta sfocieranno in spettacolari attacchi speciali. Con un po' di abilità e fantasia, è letteralmente possibile impedire ai nemici di attaccare o interrompere la furia del nostro gruppo di eroi.
In battaglia, inoltre, aumenterà la confidenza di Silmeria nell'uso delle armi che impugna: questo permetterà di sbloccare la "skill" associata all'arma in questione, fino ad impadronirsene per poterla usare a piacimento. Di fatti, anche equipaggiare Silmeria ricorda vagamente un puzzle: le varie armi e armature possono essere posizionate su un'ideale griglia in modo di attivare le loro capacità latenti o le abilità che si vuole imparare.
Silmeria, insomma, conserva le peculiari e inusuali caratteristiche del predecessore, importandole in maniera più raffinata e profonda in un prodotto tecnicamente di ultima generazione. Serve comunque un po' di tempo per impratichirsi con l'atipico sistema di approccio e combattimento, sicuramente abbastanza complicato per i neofiti del genere.

Valkyrie Profile: Silmeria Valkyrie Profile: Silmeria Valkyrie Profile: Silmeria

Questione di stile

Croce e delizia di Valkyrie Profile erano i suoi personaggi: affascinanti sia per caratterizzazione che visivamente, venivano tutto sommato messi in disparte man mano che la trama procedeva, in favore di nuovi protagonisti o di Lenneth stessa. In Silmeria, gli sviluppatori promettono una struttura narrativa più equilibrata, mantenendo l'avvincente ritmo delle avventure di Lenneth.
Nel frattempo, i giocatori saranno deliziati dai numerosi filmati in computer graphic, veramente ben realizzati, e dalla qualità impressionante della grafica: tralasciando che Silmeria supporta il progressive-scan 16x9 e il Dolby Pro Logic II, il lavoro svolto dagli sviluppatori triAce (già autori di Star Ocean: 'till the End of Time e Radiata Stories) trasuda magia e classe già dagli screen, e dal vivo è ancora meglio. Location curatissime e splendide, ambientazioni evocative, dungeon ispirati... Silmeria è uno spettacolo visivo, dove anche le animazioni e i giochi di luce negli scontri lasciano basiti. D'altra parte un ottimo lavoro collaterale è svolto dalle apprezzatissime musiche di Motoi Sakuraba, che si riconferma un vero artista per questo genere di prodotti.
La versione americana di Valkyrie Profile: Silmeria è prevista per Settembre e la versione europea probabilmente non tarderà a fare capolino nei negozi nostrani.

Con il voto di 34/40 la nota rivista giapponese Famitsu ha sugellato la recensione di Valkyrie Profile: Silmeria, sequel di quel Valkyrie Profile (o Valkyrie Profile: Lenneth, se lo giocherete presto su PSP) di Enix che si conquistò un posticino nella top-ten dei migliori RPG di tutti i tempi alla sua release per PSOne nel 1999. Il problema era se dopo tanti anni e la famigerata fusione con Square si era riuscita a mantenere la magia del prequel, quella scintillante qualità tecnica e ludica che aveva appassionato i giocatori, tanto da farli abituare e affezionare alla bizzarra meccanica di gioco. L'ottimo voto di Famitsu, e di altre riviste giapponesi, hanno confermato la bontà di un gioco che aveva già ammaliato dai primi, stupefacenti screen: Silmeria, Valkiria di Asgard con il compito di aiutare gli eroi defunti a trapassare per combattere nel Valhalla una guerra eterna, vivrà una sensazionale avventura su PS2, anteriore alle vicende della sorella Lenneth. E neanche a dirlo, noi saremo in prima linea con lei.

TI POTREBBE INTERESSARE