ArchivioVideo Games Live 2006 - Coverage 

Il concerto-evento sbarca finalmente in Europa. Resoconto di un viaggio a Londra per assistere alla tappa europea del Video Games Live.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

Pre-concerto

Arrivati al London Hammersmith Apollo, uno dei teatri storici di Londra, si viene accolti dalla classica insegna a lettere mobili. La serata è fredda ma la fila per entrare è già notevole. I cancelli hanno aperto alle 18 e molti sono già all’interno a scambiare quattro chiacchiere (a voce o tramite PictoChat), a giocare a Mario Kart in rete locale oppure a provare il Wii. Nintendo infatti ha allestito una postazione di prova della sua nuova console in modo da proporla in anteprima ai visitatori inglesi. Questi ultimi hanno aderito in massa e la coda per provare il nuovo gioiellino nipponico è notevole. L’amore per Nintendo si nota anche dalla grandissima quantità di DS (sia vecchio stile che nella rinnovata edizione Lite) tra le mani dei presenti.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

I grandi preparativi

Nell’attesa dell’inizio del concerto accettiamo qualche sfida a Mario Kart e scambiamo quattro chiacchiere con i responsabili di Nintendo nella zona della demo station. Il programma prevede due atti, con inizio rispettivamente alle 19:30 e alle 20:50. L’atmosfera è di leggera euforia e tutti sembrano ansiosi di assistere allo spettacolo.
All’avvicinarsi del primo atto tutti vanno in cerca del proprio posto: lo show è sold out e per fortuna i posti sono prenotati. Tempo di sedersi, guardarsi intorno, scattare qualche foto e via: si spengono le luci... si parte! Video Games Live 2006 - Coverage Salgono sul palco il direttore, l’orchestra al gran completo e il coro, composto da otto voci maschili e otto femminili. Il mega schermo sullo sfondo si anima mostrando dei video di giochi del passato che tutti ben conosciamo: Pong, Galaga, Frogger, Mario. L’orchestra accompagna le immagini suonando contemporaneamente le colonne sonore e gli effetti sonori dei giochi mostrati. L’esecuzione è impeccabile e perfettamente sincronizzata con le immagini.

Si parte

Dopo questa apertura, che funge da antipasto per quello che verrà, ecco salire sul palco Tommy Tallarico: presentatore e mattatore dell’evento. Ringrazia i presenti e parla dell’importanza delle colonne sonore nel mondo dei videogiochi. Solletica l’interesse dei presenti facendo un rapido elenco dei titoli la cui colonna sonora verrà suonata dal vivo durante lo spettacolo e poi da il via all’evento vero e proprio.
Sullo schermo scorrono le immagini di Dragon’s Lair e Space Ace e l’orchestra esegue un paio di brani risalenti a quel periodo, in cui i laser games erano così diffusi tra gli appassionati. Ecco quindi che si passa all’era degli 8 e 16 bit, con immagini e brani che comprendono Rastan, Out Run e svariati altri titoli per Nes, Super Nes e Genesis. Il momento dei medley è finito, annuncia Tallarico, ed è ora di passare alle grandi saghe che hanno appassionato milioni di giocatori in tutto il mondo.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

Da Solid Snake a Link

Sullo schermo appare il volto di Hideo Kojima che ringrazia i presenti e ammette che parte del successo della saga di cui è il creatore, Metal Gear Solid, è sicuramente dovuto alla sua stupenda colonna sonora, che accompagna le gesta di Snake soprattutto dall’episodio per PlayStation. Ecco quindi comparire sullo schermo le immagini di Metal Gear Solid, Sons of Liberty, Snake Eater e Guns of the Patriots. L’orchestra esegue in modo impeccabile il main theme della saga, provocando grande emozione e pelle d’oca ai molti appassionati presenti. Durante l’esecuzione è stata preparata anche una divertente scenetta in cui Tallarico torna sul palco nascosto da uno scatolone e un musicista, vestito in divisa da battaglia lo cerca senza molto successo. Quando finalmente la guardia interviene, scoperchia lo scatolone e... sorpresa! Lo show continua! Video Games Live 2006 - Coverage Ecco quindi apparire sullo schermo il viso di Michael Ancel. Anche lui ringrazia i presenti e sottolinea che il successo di Rayman, Beyond Good and Evil e del più recente King Kong nasce anche da un accompagnamento sonoro ottimo e che ben si sposa con lo stile e il design dei rispettivi giochi. Proprio Beyond Good and Evil viene scelto per dimostrare il concetto e vengono quindi proiettate molte scene d’azione aventi come protagonista la coraggiosa Jade ed i suoi strambi amici, mentre l’orchestra suona dal vivo una manciata di brani tratti dalla colonna sonora del gioco. Al termine dei brani, però, ecco la grande sorpresa: Michael Ancel c’è davvero e sale sul palco. Tallarico lo intervista incalzandolo con domande su un eventuale seguito di Beyond Good and Evil. Ancel risponde che gli piacerebbe ma che in questo momento è al lavoro su molti altri progetti e spera, un giorno, che gli verrà data la possibilità di lavorare ad un seguito.

per chiudere in bellezza il primo atto del concerto si passa a uno dei pezzi forti: Zelda

Da Solid Snake a Link

Dopo i saluti di rito del simpaticissimo Michael si passa ad un altro titolo di nicchia: Headhunter e il suo seguito Redemption. Le immagini di Jack Wade riempiono lo schermo e l’orchestra le accompagna con molti brani tratti dalla colonna sonora. Pochi gli applausi in sala per un titolo che molti non si ricorderanno nemmeno.

Space Invaders dal vivo

Per far prendere una pausa ai musicisti viene fatto salire uno spettatore a caso sul palco. Gli viene fatta indossare una maglietta con l’astronave di Space Invaders sulla schiena e gli viene fornito un pad con un solo tasto, collegato con un lunghissimo cavo. Alle domande dello spettatore viene risposto in modo molto semplice: gioca! Ecco quindi che Space Invaders appare sullo schermo e lo spettatore si rende subito conto di come stanno le cose: l’astronave è lui! Le risate dei presenti aumentano vedendolo correre da una parte all’altra del palco cercando di evitare i proiettili provenienti dalle astronavi aliene, mentre martella il tasto di fuoco per cercare di uscire indenne dal livello. Sfortunatamente l’operazione fallisce e il nostro prode torna a sedersi tra gli applausi di tutto il pubblico. Video Games Live 2006 - Coverage Tocca quindi a Tomb Raider: le immagini di Lara scorrono sullo schermo, prelevate da tutti gli episodi della saga, compreso il più recente Legend. L’orchestra si da da fare e il pubblico inglese sembra apprezzare la presenza di una delle figure che maggiormente ha contribuito alla notorietà del mondo dei videogiochi tra la cultura di massa.
Per chiudere in bellezza il primo atto del concerto si passa a uno dei pezzi forti: Zelda! All’apparire di Link sullo schermo l’ovazione del pubblico è impressionante. La colonna sonora accompagna le immagini di Link nelle sue varie incarnazioni: dalle sue prima apparizioni su NES fino a Wind Waker e al recentissimo Twilight Princess. Lunghissimi applausi portano alla pausa tra il primo e il secondo atto, confermata da una curiosa barra di caricamento mostrata sullo schermo: “Loading Act II”. Al termine del presunto caricamento e finita la pausa ecco apparire una scritta ancor più assurda: “Press start or clap to continue”. Gli applausi del pubblico riportano Tallarico sul palco per l’inizio del secondo atto.

Anche WarCraft vuole la sua parte

Si inizia con Myst ma i presenti, probabilmente per via dell’età molto giovane, non sembrano apprezzare troppo i brani e le ambientazioni della saga avventurosa a rompicapi per eccellenza.
Il viso di Yugi Naka riaccende l’entusiasmo del pubblico amante di Sonic e l’orchestra suona un paio di brani dalla colonna sonora di Sonic Adventure e Sonic Adventure 2 per Dreamcast, mentre le immagini mostrano l’evoluzione del porcospino blu dalla sua prima apparizione fino ai giorni nostri.

il logo di Halo appare sullo schermo e il famosissimo main theme del titolo Microsoft manda in visibilio il pubblico

Anche WarCraft vuole la sua parte

Si passa quindi alla Blizzard: l’orchestra esegue una selezione dei pezzi più epici tratti dai giochi del noto colosso americano, mentre i video di intermezzo di WarCraft, Starcraft e World of WarCraft riempiono lo schermo. Anche in questo caso il pubblico sembra non apprezzare troppo, segno che le console si stanno diffondendo sempre più rapidamente tra i giovani a discapito dei personal computer.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

Pianista VIP

E' tempo quindi di un nuovo ospite e, tra lo stupore di tutti, sale sul palco Martin Leung, noto universalmente in tutto il web per le sue performance di pianista ed espertissimo esecutore di colonne sonore tratte dai videogiochi Nintendo. L’abilità di Martin è impressionante e gli applausi, spesso a tempo con la musica, accompagnano l’esecuzione di colonne sonore tratte da Final Fantasy, Mario e altri giochi Nintendo. Altri brani tratti da Mario verranno subito dopo proposti dall’orchestra al gran completo, mentre le immagini mostrano, al pari del “cugino” Sonic, l’evoluzione dell’idraulico Nintendo dalle sue prima apparizioni fino ai giorni nostri, con un paio di spezzoni del prossimo Mario Galaxy.
Subito prima del gran finale c’è ancora spazio per alcuni brani tratti da Advent Rising, con la particolarità di una voce femminile solista in grado di dare ai brani una marcia in più e renderli molto appassionanti, mentre alcune cut scenes provenienti dal gioco vengono proiettate sul mega schermo.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

Appuntamento al prossimo anno

Il concerto volge al termine con il titolo che tutti stavano aspettando: il logo di Halo appare sullo schermo e il famosissimo main theme del titolo Microsoft manda in visibilio il pubblico. Le immagini mostrano parti giocate e non, provenienti da entrambi i successi per Xbox ma nascondono ancora una sorpresa: al termine del brano parte il trailer di Halo 3 che ormai tutti conoscono! L’orchestra esegue in modo magistrale l’unico brano noto del prossimo capitolo della saga e il concerto si chiude, con uno lunghissimo scrosciare di applausi e con la promessa, da parte di Tallarico, di tornare, tra un anno, con uno spettacolo ancora più bello e d’effetto.
Il pubblico lascia lentamente il teatro londinese con il sorriso sulle labbra. Noi siamo elettrizzati per aver assistito ad uno spettacolo che nessun appassionato dovrebbe perdersi. Un arrivederci all’anno prossimo allora, per altre riscoperte dal passato e nuovi successi, che ci terranno compagnia e sfameranno la nostra passione nei prossimi mesi.

Video Games Live 2006 - Coverage Video Games Live 2006 - Coverage

Il comparto audio nei videogiochi ha sempre giocato un ruolo di primo piano. Le produzioni moderne hanno espanso questo concetto offrendo colonne sonore epiche che si sono impresse nella mente degli appassionati insieme a trame e personaggi ormai entrati nella cultura di massa. Di tutto questo si è reso sicuramente conto Tommy Tallarico, fondatore e ideatore di Video Games Live, evento che ha avuto notevole successo negli Stati Uniti e che finalmente arriva in Europa con la data di Londra di Sabato 25 Novembre. Si tratta di un concerto dal vivo nel quale un’orchestra suona le colonne sonore dei videogiochi più famosi, mentre su un mega schermo vengono proiettati degli spezzoni dei giochi e uno spettacolo di luci e laser esalta i momenti più importanti.

TI POTREBBE INTERESSARE