Viva Piñata  0

Per una volta saranno i videogiochi a far nascere magliette, cappellini ed un cartone animato in tv, piuttosto che il contrario.

Colori Pinta

Viva Pinata è uno dei giochi più colorati e curati di tutto lo showfloor dell’E3 di quest’anno. La tecnica con cui sono stati renderizzati fondali e personaggi è ricca di personalità e il risultato è un gioco che non potrà che strapparvi un sorriso.
Le foto che vedete a corredo dell’articolo sono assolutamente rispondenti al risultato ottenuto dai programmatori sul video, perfetto specchio di un mondo coloratissimo, pieno di elementi animati e realizzato con una cura maniacale. Il gioco, indubbiamente, trae ispirazione da Animal Crossing di Nintendo, ma se ne distanzia prendendo elementi dai God Game o dai gestionali di vecchia scuola. All’inizio del gioco ci viene messo a disposizione un terreno brullo e sprovvisto di qualsiasi elemento (o quasi) e sta a noi decidere come addobbarlo o lavorarlo. Un cursore si muove sul fondale ed un menu contestuale ci mette e disposizione una serie di strumenti per lavorarlo, come una vanga per scavare, e lavorare il terreno ed un altro per decidere il tipo di erba da impiantare. Una volta fatto questo tipo di lavoro ed attrezzatolo con una serie di attrazioni e di elementi come negozi, discoteche od altro, cominceranno ad arrivare i Pinata, versioni poligonali di quegli animali realizzati con paglia e stoffa e che, riempiti di caramelle, vengono appesi al soffitto per essere presi a bastonate dai bambini di tutto il mondo alle feste di compleanno. Di Pinata esistono più di sessanta tipi ed ognuno ha le proprie esigenze ed il proprio comportamento sociale.
Il compito del giocatore è quello di organizzare il mondo che gli animali convivano serenamente e in modo che ne arrivino sempre di nuovi, fino a collezionarli tutti. Gli animali crescono si evolvono e possono essere agghindati con gli item più folli, item che si possono collezionare vincendo una serie di mini giochi inseriti nel gameplay. Nuovi oggetti ed animali possono essere scaricati da Xbox Live e qualsiasi animale od oggetto ottenuti da un giocatore possono essere scambiati attraverso il market place.
Oltre a modificare il mondo in modo di attrarre nuovi Pinata, l’altro modo per aumentare la popolazione è quello di far accoppiare gli animali tra loro. Individuati due animali compatibili e predisposti, bisogna fare in modo di farli incontrare e di farli innamorare sempre grazie a dei minigiochi (diversi per ogni specie d’animale), dopo di che bisogna far sì che i due novelli sposi vadano nella stanza dell’amore: una piccola discoteca dove cominceranno a danzare circondati da cuoricini, fino alla nascita del pargolo, con una scena irresistibile.

Viva Pinata è uno dei giochi più colorati e curati di tutto lo showfloor dell’E3 di quest’anno.

Di non solo amore vive l’uomo, e neanche gli animali di Viva Pinata. Come detto, hanno esigenze diverse e a volte incompatibili. Il giocatore deve costruire strutture e staccionate per tenerli divisi, deve costruire le case dove possono abitare (ogni specie ha il suo habitat naturale) e li deve difendere dai Sauer Pinata, creature temibili tutte rosse e nere. Sta al giocatore trovare il modo di interagire con queste e decidere come limitare i danni che possono creare per far allontanare i Pinata, fino alla risorsa ultima, ingabbiare i Sauer e spedirli ad uno dei contatti della lista amici. Questo perché Viva Pinata sarà perfettamente inserito in Xbox Live e i Pinata nati in un mondo, se se ne dovessero andare, finiranno nell’ambiente creato da un altro giocatore, dando vita ad una vera e propria generazione di animali migratori. Con una curiosità in più, dato che si può dare un nome ad ogni animale che nasce e questo nome gli resterà anche quando se ne andrà per altri lidi e sulla Xbox di qualcun altro, con anche la possibilità che possa un giorno tornare al paese natale, evoluto e agghindato in maniera diversa. Queste per il momento sono le sole modalità online di cui gli sviluppatori hanno potuto parlarci, ma altre ce ne sono in cantiere, solo che non è detto che siano tutte disponibili a Novembre, piuttosto che nei mesi a venire grazie a dei download via Xbox Live.
L’idea è interessante, la realizzazione è deliziosa, se il gioco funzionerà, Viva Pinata ha tutte le carte in regola per essere una sorpresa nella line up di Xbox 360 del prossimo Natale; ovviamente, per i giocatori più piccoli, e per quelli che hanno delle fidanzate da far convertire al mondo dei videogame.

Viva Pinata nasce da un’idea di Rare, che è stata poi sviluppata in collaborazione con un canale televisivo per ragazzi e che darà vita ad una serie infinita di iniziative commerciali dedicate ad un pubblico di giovanissimi. Insieme a Blue Dragon, è uno dei tentativi più evidenti di Microsoft di differenziare la line up di Xbox 360 per fare in modo che non soleo Fps e giochi per adulti siano reperibili nei negozi di videogiochi nei prossimi mesi. L’iniziativa è lodevole, solo che con le magliette e i cappellini non si gioca e siamo quindi andati a vedere da vicino di cosa si tratta.