Wanted: Weapons of FateWanted - Provato 

Armi potenti, belle auto e belle donne... questo è il mondo di Wanted. Sarà poi così bello?

Wanted - Provato Wanted - Provato Wanted - Provato

Action!

Le meccaniche di gioco di Wanted riprendono lo stile classico dei giochi d’azione moderni, ovvero muoversi da un riparo all’altro cercando di non essere colpiti ed eliminando i vari nemici che si incontrano utilizzando le armi più disparate. Detto così può suonare come l’ennesimo clone di Gears of War, ma in realtà il titolo di GRIN porta con sé alcune novità: prima fra tutte quella chiamata Curving Bullets, che consiste nello sparare dei proiettili con un effetto particolare capace di colpire anche i bersagli nascosti dietro alle coperture. Dopo essere stati colpiti i nemici iniziano a barcollare in giro in preda al dolore, senza curarsi del fatto di essere usciti dal loro riparo, diventando così facili bersagli per i proiettili di Wesley. Questa abilità è attivabile tramite la pressione di un dorsale e il successivo mantenimento e rilascio di esso solo dopo aver indirizzato il colpo grazie a una particolare freccia rossa, che diventa grigia quando il colpo è indirizzato al nemico. Il tutto ha bisogno di molta pratica per essere padroneggiato a dovere specie nelle situazioni più concitate e difficili. Un’altra abilità importante è quella chiamata Assassin Time che consiste nell’uscire dalla propria copertura tramite la pressione del tasto A e rallentare il tempo così da eliminare i nemici presenti con più facilità. Anche se questo può sembrare simile al famoso Bullet Time oramai presente in gran parte dei giochi, gli sviluppatori hanno invece rinnovato a modo loro la cosa. Il tempo di esecuzione infatti è solo quello che porta Wesley da un riparo all’altro, quindi molto limitato e comunque sempre in movimento. La terza e ultima abilità speciale è forse la più divertente da utilizzare e si chiama Bullet Explosion. Come facilmente intuibile dal nome essa prevede che due o più proiettili impattino in aria tra loro mentre si dirigono verso il nemico, creando una esplosione che investe anche i nemici circostanti. Queste tre abilità speciali aiutano a rendere Wanted molto meno lineare di quanto lo sarebbe in loro assenza, dando al giocatore diverse possibilità più o meno tattiche di affrontare le situazioni che gli si parano davanti. Sia chiaro, il gioco così come il film è votato all’azione pura, a tratti surreale, quindi il concetto di “tattica” è molto relativo. I livelli da noi provati tra l’altro si svolgevano in ambienti molto stretti quali un treno e un aereo, ma ci è stato assicurato che ci sono anche ambientazioni molto più “larghe” che riprendono anche le città del film: Chicago e New York. A tal proposito lo scenario cambia e si deteriora in base all’enfasi delle sparatorie: nel livello ambientato sull’aereo per esempio, sparando al soffitto si aprono i vani che contengono le bocchette dell’ossigeno, lasciandole fuoriuscire, mentre invece sparando ai portelloni questi ultimi si aprono creando una sorta di depressurizzazione che può far volare letteralmente via i nemici. Quello che non convince allo stato attuale delle cose è l’intelligenza artificiale dei nostri avversari, non tanto per la loro capacità di ragionare e nascondersi, piuttosto per la loro staticità. Infatti essi si limitano a trovare riparo, sporgersi e sparare: tutto qui. Nessun tentativo di avvicinarsi, nemmeno in cinque contro uno, di accerchiare l'avversario o di sfruttare l’ambiente circostante.

Wanted - Provato Wanted - Provato Wanted - Provato

Wanted sarà disponibile per PC, PlayStation 3 e Xbox 360.
La versione provata è quella Xbox 360.

Si gira!

Essendo Wanted un gioco tratto da un film non potevano mancare le sequenze puramente cinematografiche: gli sviluppatori non solo le hanno inserite, ma le hanno anche rese la parte più originale di tutto il titolo. Esse infatti compaiono sotto forma di QTE (quick time event), ovvero sessioni nelle quali bisogna premere un tasto oppure una combinazione di essi per svolgere determinate azioni. Oltre a questo viene anche richiesto al giocatore di svolgere determinati compiti in un lasso molto breve di tempo, come sparare a un nemico o a un elemento dello scenario. Non sono presenti invece sessioni di guida, a detta degli sviluppatori per non snaturare il titolo: Wanted è un action shooter e tale rimane per tutta la sua durata.
Sotto l’aspetto tecnico il gioco è ottimo, soprattutto per quel che riguarda la parte grafica che presenta un buon dettaglio nelle texture dell’ambiente e dei personaggi e ottimi effetti come le esplosioni e i giochi di luce, il tutto senza mai un rallentamento nemmeno nelle sessioni più concitate. Si nota purtroppo però una sorta di “effetto ripetizione” nei vari livelli che presentano nemici poco vari, come quello già citato poco fa ambientato su un treno che ha visto massimo due tipi di avversari. Il sonoro sembra ben realizzato, nonostante abbiamo potuto ascoltarlo solo tramite le casse del televisore e non tramite un bell'impianto 5.1, anche se non si sa ancora nulla su un possibile doppiaggio. Il punto critico che potrebbe penalizzare non poco questo titolo è la longevità, analogamente ad altri titoli di questo filone. Manca infatti una parte multiplayer online e offline che in giochi come questo è sempre cosa gradita. La durata totale del titolo dovrebbe assestarsi sulle 10 ore complessive e una volta terminato si sbloccherà un livello di difficoltà maggiore per stimolare il giocatore con una nuova sfida.
Le basi per un buon gioco ci sono, bisognerà vedere se il titolo di GRIN riuscirà nell’intento di far vivere ai giocatori un’esperienza pari a quella del film, e soprattutto se il suo sistema di gioco abbastanza lineare si rivelerà più un pregio che un difetto nella versione finale.

TI POTREBBE INTERESSARE