[X06] Bioshock  0

X06 e Bioshock: un nuovo incontro con uno dei possibili blockbuster del 2007

Sempre più bello.

Bioshock è ulteriormente migliorato rispetto all’E3. La demo di X06, principalmente incentrata sul sistema di combattimento, iniziava con un lento passaggio attraverso alcuni corridoi in vetro, che lasciavano intravedere la città tutt’intorno, percorsa da pesci, animata da mille bolle d’aria, da corpuscoli e fasci di luce ovunque. L’effetto è sorprendente, capace com’è di dettare in un istante il tono dell’atmosfera e di immergere il giocatore in pochi secondi nel contesto ricreato dal team di grafici e programmatori. Tecnologia retrò e citazioni steam punk la fanno da padrone, aiutati da un lavoro certosino sugli shader che danno vita all’acqua che scorre in mille rigagnoli e pozze, illuminata da lampade decadenti e luci al neon che un tempo esprimevano gioia commerciale e che adesso trasmettono solo una sibillina inquietudine. Il PM di Bioshock s’è lanciato nel compito di far fuori il Big Daddy, uno di quei grossi palombari che proteggono le bambine sopravvissute che si nutrono estraendo sostanze vitali dai cadaveri disseminati per tutta la città.

L’effetto è sorprendente, capace com’è di dettare in un istante il tono dell’atmosfera e di immergere il giocatore in pochi secondi nel contesto ricreato dal team

Sempre più bello.

L’emotività scatenata è davvero notevole: non appena si attacca la bimba, Big Daddy la strattona, sollevandola di peso e mettendola al riparo e, a quel punto, scoppia l’inferno, anche perché qualsiasi altra creatura si incontri, verrà richiamata dal clamore dello scontro e si getterà nella mischia. La parte interessante è che non è detto che questo significhi più problemi per il protagonista del gioco, dato che gli altri nemici, mossi da una specifica Intelligenza Artificiale, possono decidere che non siamo noi a rappresentare il pericolo maggiore e attaccare, invece, Big Daddy, dandoci involontariamente una mano. In gioco entrano anche quegli stessi poteri dati agli abitanti dalle mutazioni genetiche, dato che l’eroe può iniettarsi quegli stessi elementi chimici ed acquisire nuove abilità. Impressionante, in proposito, una sfera pulsante di materia organica, espulsa a comando da una mano e lanciata con effetto esplosivo sui nemici. Ogni nemico, ogni arma scagliata e molti elementi del fondale possono costituire una possibilità di attacco o una minaccia, a seconda del tipo di strategia che si vuole adottare; questo è il concetto di fondo, l’alternativa che ci si presenta ad ogni nuovo elemento di gameplay. Lo scontro con Big Daddy poteva essere risolto sollevando un orso di peluche lasciato su un divano, fatto incendiare grazie ad una fuga di gas e lanciato sul guardiano così da fargli prendere fuoco. A quel punto c’era ancora la possibilità di farsi lanciare addosso delle bombole di gas da un mutante, affacciato da una balaustra, fermarle a mezz’aria con i poteri psichici e lanciarle contro Big Daddy fino a farlo saltare in aria per l’impatto delle bombole stesse con il fuoco appiccato allo scafandro. Tutto questo in un turbinio d’esplosioni e di movimenti precisamente calibrati. Tattica e frenesia insieme.

Buona o cattiva?

Dopo la morte di Big Daddy, la bimba è scappata singhiozzante sotto un tavolo. Il PM l’ha rincorsa fino a trovarcisi sopra e ha chiuso la presentazione con un sibillino “A questo punto, potete decidere se, secondo voi, la bambina è buona o cattiva…”, e mentirei se non dicessi d’aver avuto un piccolo brivido. Bioshock dovrebbe uscire per la primavera del 2007, anche se ancora non c’è una data precisa. La build di X06 aveva ancora qualche incertezza, ma siamo stati rassicurati sul raggiungimento di una fluidità stabile a 30 frame al secondo e sul Vsync perfettamente implementato. Irrational Games ha tra le mani uno dei titoli più promettenti del 2007, e nei prossimi mesi, state pur certi, su Multiplayer.it ne sentirete parlare ancora a lungo.

Quella dell’esclusiva di Bioshock per Xbox 360, dopo che per mesi si era parlato di una possibile versione per PlayStation 3, è stata una delle più grosse novità annunciate a questo X06 di Barcellona. L’importanza della notizia sta tutta nel fatto che il gioco degli Irrational Games, che uscirà anche su PC, è sicuramente uno dei migliori titoli presentati allo scorso E3 e che, a detta degli sviluppatori, si sobbarcherà il gravoso compito di re inventare gli fps così come li conosciamo. Bioshock è la storia di un poveretto che si trova suo malgrado in una città sottomarina, l’utopia di un magnate genialoide di creare la società perfetta lontano dalla superficie terrestre. Qualcosa va storto negli anni e la città comincia un lento degrado che, unito ad innesti di biogenetica, a procreazione consanguinea e alla malnutrizione, porta tutta la popolazione a mutare e ad accumulare poteri paranormali inquietanti. Sopravvivere in quell’inferno sottomarino è lo scopo del gioco e, probabilmente, scoprire cosa sia andato storto.