Gli induisti inferociti contro Asura's Wrath  79

E non per colpa dell'ennesimo DLC di Capcom

Chi abbia giocato Asura's Wrath e non abbia il cervello di Fabrizio Corona, saprà che il gioco prende a piene mani elementi dalla religione induista, sia visivi che concettuali. Ad esempio la povera Durga è in realtà una dea maggiore dell'induismo che ha distrutto il bufalo demoniaco Mahiasasura... che è un'Asura. Semplificando parecchio, gli Asura sono un gruppo di divinità avide di potere solitamente non proprio benevole.

Senza stare a tediarvi troppo, questo uso triviale dei simboli dell'induismo ha fatto inalberare Rajan Zed, il presidente dell'Universal Society of Hinduism, uno dei portavoce dell'induismo in occidente, che per chi non lo sapesse è una religione piuttosto diffusa. La terza a livello mondiale, precisamente.

Zed non ce l'ha con la libertà d'espressione, ma aggiunge che non si può scherzare con la fede, qualsiasi essa sia, e che se uno sviluppatore non può riprodurre con accuratezza l'immaginario e il simbolismo di una religione, è meglio che non la tocchi.

Non vi preoccupate, il nostro non vuole promuovere un boicottaggio internazionale del gioco (tanto già ci pensa Capcom pubblicando DLC a raffica), ma paradossalmente vuole venire incontro agli sviluppatori, fornendo all'industria dei videogiochi le risorse necessarie per comprendere l'induismo.

Insomma, niente richieste di ritiro dai negozi? Niente copie bruciate in piazza? Nemmeno un parrucchino di Tommaso usato come carta igienica? Gli induisti sono troppo pacifici. Voi che ne pensate? La presa di posizione di Zed, in fondo molto tranquilla, ha qualche fondamento? Oppure Capcom ha peccato di insesibilità?

Questa non è la prima volta che Capcom viene attaccata per la superficialità con cui affronta certi temi nei suoi giochi. Ad esempio Resident Evil 5 fu accusato di razzismo perché, pensate un po', in Africa gli zombi erano neri.

Un altro caso simile, che coinvolse IO Interactive, fu la sollevazioe dei Sikh contro Hitman 2: Silent Assassin per i contenuti di alcuni livelli che li connotavano in modo negativo.

Fonte: The Escapist