UbisoftL'industria dei videogame deve crescere, secondo Jade Raymond 92

La managing director di Ubisoft Toronto è sempre più bella

Nel corso di un'intervista rilasciata a Eurogamer.net, Jade Raymond, managing director per Ubisoft Toronto, ha confessato di voler dare uno scossone alle produzioni tripla-A, inducendo l'intera industria videoludica a crescere in termini di contenuti e aspirazioni. "Sempre più persone vengono a lavorare in Ubisoft e dicono 'Amo i videogame, ho deciso di entrare nel settore portando con me tante idee, ma non posso continuare a creare sparatutto ancora e ancora'", ha detto Jade. "Capita di continuo, dunque credo sia arrivato il momento di dare un calcione nelle parti basse alle nostre produzioni 'adolescenti'."

In qualità di madre, la Raymond dice probabilmente di non rientrare più nel target d'utenza dei videogame, ma è convinta che l'industria stia sottovalutando il proprio audience, e che gli utenti vogliano qualcosa di più di una serie di esplosioni. "Non so quando, ma a un certo punto l'industria ha deciso che per vendere cinque milioni di copie di un gioco bisognava realizzare il corrispettivo di un film di Michael Bay. Be', è ora che l'industria cresca", ha continuato.

"Perché ci sono così tanti argomenti che vengono affrontati dagli altri media mentre risultano tabù per i videogame? Perché non possiamo cimentarci con le questioni che contano? Potrei fare così tanti esempi al riguardo, tematiche interessanti, problemi che andrebbero affrontati nei giochi e che potrebbero essere integrati in IP già esistenti, se proprio non si vuole metterle al centro di una nuova produzione."

"E' una nostra responsabilità. A maggior ragione la cosa mi riguarda, perché persone nella mia posizione possono fare la differenza, fare in modo che un progetto di questo tipo goda dei necessari finanziamenti", ha concluso.

Fonte: GamesIndustry.biz