MicrosoftGli esperti BAFTA dubitano del gaming a due schermi di Wii U e SmartGlass 36

Nomi importanti per un'evoluzione del videogioco che non convince pienamente

Peter Molyneux, Ian Livingstone, Dave Bailey e Alice Taylor hanno discusso delle nuove tecnologie che mescolano schermi giganti e tablet in alta definizione.

Lo streaming da e verso un tablet è una feature indubbiamente interessante come abbiamo già visto con i device Apple. Android e Asus si sono prevedibilmente mosse in una direzione parallela e Sony ha introdotto il Transfarring con PS Vita. Poi è arrivata Wii U che incarna la volontà di leggere le summenzionate innovazioni attraverso la lente del gameplay, in pieno stile Nintendo. Infine è giunta a noi la tecnologia SmartGlass di Microsoft che si propone di mescolare tutto quanto per un'esperienza completa.

A preoccupare gli esperti della BAFTA non sono certo le funzionalità multimediali ma il lato prettamente videoludico che per ora non convince, almeno stando a quanto mostrato durante il recente E3. I commenti della critica non si distaccano molto da quelli dell'utenza e risulta chiaro che moltissimi dubitano dell'utilità del doppio schermo come strumento videoludico. Lo sguardo ha infatti dei limiti che non possono essere trascesi e distogliere l'attenzione dallo schermo per guardarsi in grembo rischia anche di rovinare la magia, di far si che il giocatore si renda conto di essere seduto sul divano e non nel mezzo di una missione segreta.

Fonte: Gamesindustry