UbisoftUbisoft: vendite in aumento, poche di queste da Vita e 3DS 18

Solo il 4% è coperto dai titoli per le nuove console portatili

I dati finanziari pubblicati da Ubisoft con la chiusura del trimestre fiscale aprile-giugno mostrano una buona salute della compagnia, con un incremento del 27% nelle vendite rispetto al periodo precedente.

131 milioni di euro rispetto ai 103 milioni precedenti, registrati nello stesso periodo dell'anno scorso. L'ottimo andamento arriva anche dalle vendite online, con 27 milioni di euro provenienti dal mercato digitale (tra cui Trials Evolution) e dal free-to-play. Il CEO Yves Guillemot ha affermato che l'obiettivo sul medio termine è la concentrazione sulle console next gen (sperando che arrivino in tempo) e sul segmento free-to-play, che "rappresentano due opportunità di grosso calibro per far crescere la compagnia". Per il prossimo trimestre, tuttavia, Ubisoft si aspetta un calo di introiti rispetto all'anno precedente, pur mantenendo l'obiettivo di 1,2 miliardi di euro in vendite per l'intero anno.

Altro dato interessante riguarda l'incidenza del mercato portatile, specificamente per quanto riguarda PlayStation Vita e Nintendo 3DS, sulle vendite attuali di Ubisoft. A quanto pare, le due nuove console portatili non stanno ancora apportando un contributo sostanziale in termini di vendite: i giochi Nintendo 3DS costituiscono il 2% delle vendite totali di Ubisoft, così come quelli PlayStation Vita, coprendo dunque solo il 4% insieme. 1% delle vendite sono titoli Nintendo DS e un altro 1% arriva da PSP.

Fonte: CVG