Colleen Lachowicz, candidata al Senato USA, è stata criticata perché appassionata di World of Warcraft  61

Alcuni Repubblicani del Maine hanno addirittura messo online un sito per ridicolizzarla

Non siamo più negli anni '80, ormai i videogame si sono diffusi in modo incredibile e vantano la medesima (se non maggiore) dignità di altri passatempi. Eppure c'è ancora chi si scandalizza se una videogiocatrice, in questo caso appassionata di World of Warcraft, decide di candidarsi al Senato USA per lo stato del Maine.

E' la storia di Coleen Lachowicz, messa alla berlina da un gruppo di Repubblicani per via di questo suo passatempo. David Sorensen, portavoce del partito repubblicano nel Maine, ha commentato alcune delle frasi riportate dalla Lachowicz sul suo blog dedicato a WOW, mettendone in dubbio la maturità e la capacità di prendere decisioni importanti.

La candidata si è difesa replicando che "è assurdo essere presi di mira perché si gioca online", aggiungendo che i videogiocatori negli USA ammontano a 183 milioni e che dunque si trova in buona compagnia. "Quello che è davvero assurdo è che i Repubblicani criticano i miei passatempi anziché guardare ciò che hanno fatto ad Augusta negli ultimi due anni. Invece di parlare di ciò che hanno fatto per la gente del Maine, si divertono a prendermi in giro perché mi piacciono i videogame. Sapevarte che ci sono più ultracinquantenni che giocano con i videogame rispetto a chi ha meno di diciotto anni? Come giocatrice mi sento in buona compagnia, con gente come Jodie Foster, Vin Diesel, Mike Myers e Robin Williams. Magari è il partito Repubblicano che sta perdendo il contatto con la realtà."

Fonte: Eurogamer.net