Grande successo per Vigamus, il primo Museo del Videogioco in Italia  25

Oltre seicento persone nei primi due giorni d'apertura

Aperto al pubblico dal 20 ottobre, Vigamus, il primo Museo del Videogioco in Italia, sta riscuotendo un grande successo. Sono infatti oltre seicento le persone che lo hanno visitato durante i primi due giorni di attività. Riportiamo il comunicato ufficiale.

Grande successo per VIGAMUS, il primo Museo del Videogioco in Italia nella prima delle due giornate di apertura al pubblico con ingresso completamente gratuito: più di 600 visitatori si sono recati a vedere gli oltre 250 pezzi esposti che ripercorrono la storia del Videogioco in 54 anni di storia, dal 1958 al 2012, e le 14 opere d'arte, tra cui 8 ritratti (pezzi unici) rappresentanti i più significativi autori di videogiochi a livello mondiale.

Grazie a un'area interattiva, i numerosi appassionati di gaming che hanno deciso di trascorrere il loro sabato al Museo hanno potuto provare l'ebbrezza di provare in versione "live" alcuni tra i titoli più autorevoli che hanno fatto la storia del videogioco e, al tempo stesso, di gettare uno sguardo al futuro attraverso le nuove tecnologie e le presentazioni tenute dagli ospiti internazionali presenti all'IVDC - Italian Videogames & Digital Contents Conference - previsto nelle due giornate di inaugurazione del Museo.

Solo per citare alcuni tra gli ospiti di fama nazionale e internazionale presenti al VIGAMUS : Dino Dini (Kick Off, Player Manager, Goal), Martin Hollis (GoldenEye, Perfect Dark), Luisa Bixio (Milestone), Peter Warman (CEO di Newzoo, che presenterà i nuovi dati del mercato videoludico italiano), Riccardo Cangini (Artematica), Daniele Azara (no one team), Giovanni Antonioli Fantini (Vae Victis), Marzio Zanantoni (editore della collana "Ludologica" di Matteo Bittanti, che è intervenuto con un video messaggio), Francesco Alò (NUCT), Bonaventura Di Bello (storico developer di avventure, ex caporedattore di Zzap! e The Games Machine), Federico Salerno (Games Collection.it), Ivan Paduano (Università Sapienza, Roma) e tanti altri.

Annunciato ieri alla presenza dell'Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale, VIGAMUS è un'attività culturale senza scopo di lucro e tutti gli introiti del Museo serviranno a sostenere questa iniziativa, finora interamente finanziata da AIOMI, il Movimento per la Cultura del Videogioco.

In occasione delle due giornate di inaugurazione, oltre all'entrata gratuita, tutti i visitatori hanno la possibilità di partecipare all'estrazione di numerosi premi, tra cui due console da gioco portatili di ultima generazione.