Gli sviluppatori di Racecraft fanno luce sulle frodi legate alla richiesta di codici Steam da parte di identità fasulle  11

Una cosa estremamente dannosa per gli indie

Il team italiano Vae Victis, attualmente impegnato nell'interessante progetto Racecraft, ha oggi pubblicato un interessante sfogo su Facebook che mette in luce un fenomeno poco noto ma particolarmente dannoso soprattutto per i team indipendenti e di piccole dimensioni.

Come riportato nel messaggio qua sotto, gli sviluppatori hanno spiegato come spesso i team vengano tempestati di email con richieste per ottenere codici Steam per i propri giochi da distribuire attraverso portali, all'interno di quelle che dovrebbero essere consuete iniziative promozionali. Il problema è che, spiega il team, spesso queste email sono delle frodi, scritte da parte di persone che si spacciano per altre con identità fasulle per ottenere codici gratuiti e rivenderli poi sui vari portali dedicati al "grey market" o simili.

Piuttosto esilarante, anche se in maniera amara, è l'episodio raccontato nel messaggio: gli sviluppatori sono anche fondatori di Lega Nerd e proprio in questi giorni hanno ricevuto la richiesta di codici Steam da parte di un sedicente community manager del sito, che invece non ha nulla a che fare con il celebre portale geek.

"Tutto questo uccide gli sviluppatori indie, dunque deve fermarsi", si legge nel post, "Se ci tenete agli sviluppatori indipendenti e alla loro sopravvivenza e volete supportarli, condividete questo post e comprate i loro giochi solo attraverso digital delivery ufficiali".

Exposure and coverage are the keys for indie developers to make people aware of their products.When you're an indie...

Pubblicato da Racecraft su Mercoledì 23 marzo 2016