Fable IIIFable 4 doveva avere un'ambientazione più moderna, simile all'età vittoriana 

Il Fable mai visto

Eurogamer.net ha pubblicato un interessante approfondimento su Lionhead, riportando diversi retroscena sul team di sviluppo recentemente chiuso da Microsoft.

Tra questi emergono anche dettagli su quello che sarebbe dovuto essere Fable 4, o almeno il progetto che venne presentato all'epoca da Lionhead ma non venne accettato da Microsoft. Responsabile del titolo era John McCormack, il quale aveva una visione piuttosto particolare per il quarto capitolo: vista l'evoluzione dei primi tre, il quarto si sarebbe dovuto spostare in avanti come periodo storico, inserendo la storia in una sorta di rivoluzione industriale alternativa, con tanto di tecnologie bizzarre, mezzi di trasporto volanti e quant'altro. Una sorta di età vittoriana mista a una visione in stile Jules Verne dell'Inghilterra fiabesca tipica della serie.

Bowerstone, ad esempio, sarebbe dovuta essere una sorta di enorme metropoli del tutto simile alla Londra vittoriana, con in più la particolare tecnologia inserita e gli elementi magici. Il tutto doveva essere molto più cupo e dark rispetto ai primi tre capitoli, con tanto di riferimenti a Jack lo Squartatore, prostitute e vari elementi maturi inseriti al suo interno, tutto molto incentrato sulla mitologia britannica del periodo.

A quanto pare, la proposta non venne accettata da Microsoft, che in quel periodo cercava un cambio di direzione per la serie, che si sarebbe dovuto poi concretizzare in Fable Legends. Il rifiuto del progetto fu poi una delle cause principali dell'abbandono della compagnia da parte di McCormack.