Il nuovo Prey non ha nulla a che vedere con il precedente  33

Si tratta di un nuovo inizio per il franchise

Pete Hines, presidente di Bethesda, ha spiegato ai microfoni di GameSpot che il nuovo Prey, annunciato durante la conferenza del publisher all'E3 2016, non ha nulla a che vedere con il precedente: si tratta di un vero e proprio nuovo inizio per il franchise.

"Non c'è una sola cosa di Prey 2 nel nuovo Prey, a parte gli alieni che corrono freneticamente e ci danno la caccia", ha detto Hines. Arkane Studios ha reimmaginato il franchise, tornando ai concetti di base e costruendo quello che Prey sarebbe dovuto essere. Quando gli è stato chiesto se si tratta di un gioco horror, Hines ha risposto di no in senso stretto, ma ci sarà l'elemento psicologico.

"Avete visto alcuni indizi in tal senso nel trailer, ma Prey sarà un coinvolgente action game in prima persona. (...) Un titolo basato su quelle meccaniche per cui Arkane è ben conosciuta. Sono noti per saper creare mondi molto ben realizzati, dove ogni cosa non è semplicemente tangibile, ma ha una logica e una ragione dietro. (...) C'è un motivo per cui la stazione spaziale si trova nello stato in cui la vediamo, c'è un motivo per cui gli alieni sono fatti in un certo modo e combattono per sopravvivere."

Hines ha anche aggiunto che il giocatore avrà molta libertà di scelta, ribadendo però che il gioco non sarà un open world. La struttura risulterà simile a quella di Dishonored, con la possibilità dunque di procedere in modi diversi.

Se non vuoi perderti nulla dell'E3 2016, visita il nostro minisito e segui tutto il coverage!