Respawn Entertainment promette che il matchmaking di Titanfall 2 sarà molto rapido  7

L'ingegnere Mike Kalas ha fatto il punto sull'infrastruttura online presente in Titanfall 2

Respawn Entertainment ha, pubblicato un diario degli sviluppatori, attraverso il proprio canale YouTube ufficiale, nel quale vengono illustrate alcune delle caratteristiche che avrà il matchmaking di Titanfall 2.

L'ingegnere Mike Kalas assicura infatti che il secondo capitolo godrà di meccaniche molto più rapide rispetto al passato. Lo studio ha attentamente analizzato cosa non funzionava nel primo Titanfall e ha adottato una serie di contromisure che miglioreranno notevolmente la creazione delle lobby.

"Il primo Titanfall sfrutta un sistema di matchmaking basilare, nel quale cerchiamo di inserire i giocatori in una partita o di iniziarne una nuova se non ce n'è una disponibile. Mostrando le squadre che vengono formate nelle lobby il processo può apparire caotico e incoraggia i giocatori ad uscire e a cercare di nuovo, conseguenza che aggiunge confusione sul piano visivo", ha fatto notare Kalas, anche attraverso un post pubblicato sul sito ufficiale del gioco.

"Mentre cercavamo di unire i server insieme per mantenere le partite piene di utenti, abbiamo riscontrato che, quando la notte procedeva e molti giocatori se ne andavano, avevamo una serie di server che non erano sufficientemente pieni, ma non potevamo sempre unirli agli altri. Gli slot aperti non erano abbastanza bassi da effettuare l'operazione".

Per risolvere molti degli inconvenienti riscontrati in precedenza Respawn ha deciso di costruire un nuovo sistema di matchmaking che risolvesse soprattutto gli inconvenienti riscontrati durante gli orari notturni.

"Quando hai il 100% dei tuoi giocatori che entrano nel matchmaking dopo ogni partita, possiamo creare partite molto più rapidamente rispetto a prima. Possiamo anche assicurare che queste partite siano al completo molto più spesso. Quando la creazione dei match è rapida, non ha senso mettere i giocatori ad osservare i team che vengono formati. Dopo ogni partita verrete quindi collocati nel vostro Network (ne parlaremo molto presto), con la possibilità di cambiare la vostra dotazione in ogni momento, recensire l'andamento e le statistiche e prepararvi per l'incontro successivo. Il flusso è simile al nostro precedente titolo, ma le meccaniche che agiscono dietro le quinte sono state completamente ristrutturate", ha proseguito Kalas.

"Per Titanfall 2 ho scritto un simulatore che potesse tenere traccia dei dati di matchmaking del primo Titanfall. Questo simulatore porta i giocatori in entrata e uscita dal matchmaking alla frequenza che avrebbe dovuto esserci nel primo Titanfall. Ho scoperto che in questo modo le partite si formano molto più rapidamente, con migliori raggruppamenti in base alle abilità e con le partite molto più affollate rispetto a prima. La qualità dei match e la velocità del matchmaking era migliore su tutta la linea. Anche con pochi partecipanti e a tarda ora, funzionava meglio rispetto al nostro precedente matchmaker".

Il sistema di progressione sarà simile a quello del primo capitolo, ma questa volta non si terrà conto solo delle vittorie e delle sconfitte per determinare il livello generale di un utente. In Titanfall 2 verrà infatti valutato l'intero contributo fornito dal giocatore nel corso di ogni singola partita. Ciò darà maggiori opportunità di bilanciare le partite in relazione all'abilità, migliorando anche la qualità complessiva di ogni sfida.

Respawn ha anche confermato che nelle prossime settimane si svolgerà un Tech Test, nel quale sarà messa alla prova la resistenza dei server e ulteriormente verificata la stabilità della nuova infrastruttura.

Il lancio di Titanfall 2 rimane pianificato per il 28 ottobre su PlayStation 4, Xbox One e PC.