The SaboteurThe Saboteur 2 era in sviluppo nel 2009 

Prima che il team Pandemic venisse chiuso da EA, stava lavorando a The Saboteur 2

Morgan Jaffit, ex-sviluppatore del team Pandemic, ha rivelato nel corso di un'intervista che il team era impegnato nello sviluppo di un secondo capitolo di The Saboteur quando lo studio è stato chiuso da Electronic Arts.

Jaffit era entrato nello studio Pandemic di Los Angeles proprio per lavorare ai DLC di The Saboteur e in teoria a dirigere lo sviluppo di The Saboteur 2, ma da quanto riferito si sentiva "l'odore di morte" già all'epoca all'interno degli uffici, nel senso che il clima puntava già alla probabile chiusura del team. Tanto è vero che Jaffit decise poi di lasciare tutto e andare altrove prima che fosse troppo tardi.

The Saboteur era un interessante sparatutto in soggettiva con elementi stealth che metteva in scena la Resistenza francese all'epoca dell'invasione nazista della Francia, uno dei molti titoli del primo decennio del 2000 sulla Seconda Guerra mondiale ma dotato di una caratterizzazione piuttosto forte rispetto ai comuni FPS. Un seguito se lo sarebbe meritato probabilmente, ma evidentemente EA decise di organizzare in maniera diversa il proprio budget, come Jaffit riferisce senza troppi mezzi termini.
The Saboteur 2 era in sviluppo nel 2009