A ottobre, Sean Murray potrebbe essere ospite nel nuovo show di Geoff Keighley e spiegare cos'è andato storto con lo sviluppo di No Man's Sky  104

Geoff Keighley non è stato tenero con No Man's Sky

No Man's Sky è finora, insieme a Pokémon GO, il titolo più dibattuto del 2016. Occasione sprecata, promesse non mantenute, viaggio comunque fantastico... ce n'è davvero per tutti e da tutte le fonti. L'ultimo a intervenire sulla faccenda è stato Geoff Keighley, con una novità rilevantissima per l'intera storia: probabilmente a ottobre ospiterà Sean Murray, il capo di Hello Games, nella sua nuova trasmissione su YouTube.

Nell'episodio odierno (che trovate in fondo alla notizia) Geoff Keighley non è stato tenero con No Man's Sky, affermando di aver avuto in passato attriti con Hello Games per aver criticato il prezzo del gioco, che considera eccessivo. Secondo lui visti i problemi nello sviluppo, Murray doveva essere sincero con i giocatori e dire cosa non stava andando per il verso giusto.

Keighley ha anche affermato che non ci si doveva aspettare troppo da No Man's Sky in termini narrativi, perché, parafrasiamo, la matematica non ha la stessa capacità di creare senso di un buon artista. Se ricordate, l'universo del gioco di Hello Games è stato generato da un algoritmo che, per quanto complesso, ha comunque dei limiti.