Call of Duty: Infinite WarfareWindows Store rimborsa gli acquirenti di Call of Duty: Infinite Warfare per assenza di giocatori online 

La suddivisione tra utenti Steam e Windows Store si fa sentire in Call of Duty: Infinite Warfare

Ha destato un certo scalpore la notizia della suddivisione degli utenti della versione PC di Call of Duty: Infinite Warfare, uscito in questi giorni, tra Steam e Windows Store, e gli effetti di questa decisione a quanto pare cominciano a vedersi.

In pratica, gli acquirenti del gioco su Steam e quelli su Windows Store giocano su server separati senza la possibilità di incontrarsi: ovviamente, data la maggiore diffusione e popolarità dello store digitale di Valve, le ricadute peggiori di questa situazione si notano in ambito Windows Store, con gli acquirenti del gioco che rilevano addirittura difficoltà nel reperire giocatori online disponibili per il multiplayer, almeno secondo quanto riportato da Motherboard.

La situazione è paradossale, considerando la popolarità di Call of Duty. Certo è probabile che la questione si risolve nel giro di pochi giorni, ma intanto pare sia possibile chiedere il rimborso per l'acquisto, pertanto alcuni utenti della versione Windows Store si sono ritrovati a farsi rimborsare l'acquisto per l'assenza di utenti online a giocare a Call of Duty: Infinite Warfare.
Windows Store rimborsa gli acquirenti di Call of Duty: Infinite Warfare per assenza di giocatori online