EvolveIl CEO di Take-Two "scarica" Battleborn ed Evolve: non sono in linea con gli standard della compagnia 

Take-Two produce molti titoli di alta qualità, ma qualche volta le cose non vanno bene, dice Strauss Zelnick

Dal discorso di Strauss Zelnick, CEO di Take-Two Interactive Software, alla MKM Partners Entertainment, Leisure and Internet Conference, da cui sono arrivati anche commenti su Red Dead Redemption 2 e l'annualizzazione delle serie, arrivano anche dei passaggi dedicati alle note dolenti del catalogo Take-Two.

Si tratta ovviamente di Battleborn ed Evolve, due titoli che anche secondo lo stesso CEO della compagnia non sono significativi degli standard del publisher. "2K va alla grande, ma penso che quando si lanciano vari titoli, non tutto funzioni sempre per il meglio e Battleborn è un esempio di questo", ha affermato Zelnick. "Evolve è un po' di verso, l'abbiamo acquistato dalla bancarotta di THQ ed è stato sviluppato da un team esterno con supervisione di 2K, ma è una situazione completamente differente, sapevamo che fosse un gioco atipico e ci abbiamo scommesso sopra, non ci ha sorpreso molto il fatto che l'utenza abbia avuto sentimenti contrastanti in proposito".

Invece, "Battleborn è stata una delusione", ha spiegato il CEO di Take-Two, "l'abbiamo detto pubblicamente, ma non credo che possa essere considerato significativo della situazione di 2K, perché è una compagnia che pubblica anche Civilization, con titoli dai punteggi estremamente alti sopra il 90, così come il basket e XCOM 2", ha riferito. "Siamo una compagnia che si occupa d'intrattenimento, non tutto può andare sempre bene. Aspiriamo ad avere prodotti di alta qualità e continuiamo a spingere la produzione interna verso questo obiettivo, ma non ci va sempre bene".