Scalebound non è morto, riferisce un insider: il progetto è stato affidato a un team vicino a Microsoft  175

La cancellazione di Scalebound potrebbe non aver determinato la morte del franchise

La cancellazione di Scalebound, avvenuta alcuni mesi fa, ha fatto molto parlare: il progetto, che vedeva Platinum Games e Microsoft collaborare per la realizzazione di una nuova proprietà intellettuale in esclusiva per Xbox e Windows 10, non è purtroppo andato in porto e Phil Spencer ha detto di aver imparato molto dalla faccenda, impegnandosi a non ripetere gli stessi errori in futuro.

Sembra però che questo futuro sia più vicino di quanto si pensasse: secondo una fonte vicina all'insider X-Rays, infatti, il progetto di Scalebound non sarebbe morto, bensì affidato a un team di sviluppo vicino a Microsoft. A confermare tale rumor ci sarebbe l'estensione del trademark da parte della casa di Redmond, che evidentemente vuole mantenere viva la proprietà intellettuale.

Una lavorazione ricominciata da zero implicherebbe tempi piuttosto lunghi anche solo per un annuncio, ma X-Rays ha promesso nuove informazioni a breve e non mancheremo di riportarle.