Wolfenstein II: The New Colossus ci presenta il cane robot Liesel  2

Wolfenstein II: The New Colossus in uscita in autunno

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

Per definire meglio lo scenario di Wolfenstein II: The New Colossus, secondo capitolo di quella che sarà una trilogia, Bethesda e MachineGames hanno realizzato una serie di video che simulano un programma televisivo mandato in onda nel futuro alternativo in cui è ambientata l'avventura. Il primo è dedicato al gigantesco cane robot Liesel. Si tratta dello stesso filmato visto durante la conferenza di Bethesda all'E3 2017, ma con quindici secondi di gameplay inediti che non fanno mai male.

Prima di lasciarvi al video e all'illustrazione del simpatico Liesel, vi ricordiamo che Wolfenstein II: The New Colossus uscirà il 27 ottobre 2017 su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Liesel

Liesel, il programma più trasmesso nella storia dei territori americani, torna con una nuova stagione di avventure per tutta la famiglia!

Vi presentiamo la Staffel 8, l'ottava stagione di Liesel dalla sua prima messa in onda del 2 ottobre 1953. Ogni stagione contiene 26 episodi. Liesel è la storia di un Panzerhund e della sua amica umana Peggy alle prese con varie avventure in una piccola comunità rurale dei territori americani, ricostruita dopo anni di oppressione da parte dei parassiti capitalisti. Quando qualcuno è intrappolato in una casa in fiamme o viene rapinato da criminali in fuga, Peggy sa che il cane sentirà il suo fischio e accorrerà in suo aiuto. Peggy e Liesel saranno per sempre amici e leali sostenitori della Terra dei Padri e del nostro amatissimo Führer. Possa il suo regno durare in eterno. Riderete, vi stupirete, piangerete e sospirerete. Non perdetevi la Staffel 8 e le incredibili avventure di Liesel, il Panzerhund dal motore d'oro!

Perché proprio i programmi televisivi? Perché B.J. e la resistenza non dovranno affrontare soltanto i soldati nazisti. Oppressione significa anche incrinare le fondamenta della libertà. "I nazisti vogliono rendere il proprio dominio appetibile per la tipica mentalità americana. Così, introducono un sistema di oppressione lento e progressivo, in modo che alla fine sia impossibile opporvi resistenza", spiega il direttore creativo Jens Matthies. "Il processo è molto lungo. L'America fa geograficamente parte della Germania, ma i nazisti vogliono annetterla anche da un punto di vista culturale. Costringono all'uso della lingua tedesca e sovvertono i simboli dell'americanità, per demonizzare l'America libera e glorificare l'ideologia nazista e la cultura tedesca."