"Avremmo potuto rilasciare Alan Wake molto prima", dicono i Remedy  40

Se lo dicono loro, figuriamoci noi

Una frase che probabilmente viene condivisa da tutta la comunità videoludica risalta nell'intervista di EGTV a Matias Mylllyrinne di Remedy: "Avremmo potuto rilasciare Alan Wake molto prima".

Il team di sviluppo è al lavoro sul gioco dall'ormai lontano 2005, e a più riprese l'interessantissimo "thriller psicologico" è stato annunciato come in arrivo e poi rimandato, fino alla situazione attuale, in cui il gioco è atteso per il 2010 ma ancora senza una data precisa, con i giocatori che continuano ad attenderlo spasmodicamente, in particolare guardando via via i filmati sempre più promettenti rilasciati in occasione delle fiere ufficiali.

Ebbene, pare che il lavoro sul gioco avrebbe potuto durare anche meno, ma i Remedy non ci stanno a immettere sul mercato un titolo che non sia il massimo possibile in termini di qualità: "stiamo lavorando alacremente sul gioco e ad essere onesti avremmo potuto rilasciarlo molto prima, e sarebbe comunque stato okay", dice Mylllyrinne, "ma per noi, è importante uscire con un gioco nel momento in cui abbiamo trovato esattamente il giusto livello qualitativo, in modo che i giocatori possano investire i propri soldi su un titolo che porta il marchio Remedy sulla scatola, che deve essere visto come un marchio di qualità a partire dal quale gli utenti sappiano di potervi trovare all'interno una grande storia con ottimi personaggi".

Intanto, si continua ad attendere la primavera 2010.