Periferiche WiiTroppo software sotto lo standard ha danneggiato il Wii 

C'è da farci un pensierino

A dichiararlo è il CEO di Lightning Games, Simon Prytherch, la cui azienda è a sua volta impegnata nello sviluppo di titoli con un target "familiare". Prytherch sostiene che il mercato del software per console Wii sia stato quest'anno letteralmente invaso da una grossa quantità di titoli qualitativamente inferiori allo standard di qualità medio, lasciando ai consumatori esperienze negative e troppa scelta nella quale riuscire ad orientarsi serenamente. Il mercato di terza parte per la piattaforma Nintendo è più che saturato, dice Prytherch, cosa che ha generato un effetto paradossalmente (ma non troppo) negativo sul mercato e sugli utenti finali. E sono queste le considerazioni che portano la compagnia a spostare la sua produzione per il prossimo anno verso altre piattaforme, nominalmente Xbox 360 e PS3, dopo aver sviluppato per Wii il gioco NewU, pubblicato da Ubisoft, che sostanzialmente si proponeva come titolo di fitness che però ha sofferto apparentemente anche proprio della saturazione del mercato di cui sopra. Inoltre l'azienda vede con molto favore l'introduzione delle tecnologie di motion control di Sony e Microsoft che favoriranno l'arrivo di un certo tipo di software anche sulle loro piattaforme.