The Witcher 2: Assassins of KingsNon c'è da preoccuparsi per il DRM di The Witcher 2 

Così dice CD Projekt

Il nuovo The Witcher 2, secondo capitolo del celebre titolo di CD Projekt, supporterà la tecnologia anti-pirateria nota come DRM, per la protezione delle copie. Il sistema prevederà la necessità di una connessione Internet attiva per poter giocare, ma CD Projekt vuole tranquillizzare i propri futuri utenti affermando che non ci sia da preoccuparsi. "Non abbiamo ancora deciso nulla. E si tratta in ogni caso di opinioni private. Sapete bene quale sia l'opinione di RED di CD Projekt sul DRM, vero?" La posizione dell'azienda è quella di vole promuovere i propri giochi attirando gli utenti con qualità eccezionale e valore addizionale piuttosto che con il tentativo di punire la pirateria ed anche se non commenta nel dettaglio quali saranno le tecnologie inserite dietro richiesta di Namco Bandai che distribuirà il gioco in Asia ed Europa ribadisce che non ci sia in ogni caso da preoccuparsi. C'è anche una novità per quanto riguarda le versioni console del gioco: "attualmente ci stiamo focalizzando sulle versioni PC. Ad un certo punto probabilmente parleremo dello sviluppo su console, ma quel punto non è adesso". Resta dunque da vedere anche quando effettivamente le versioni PS3 ed Xbox 360 del gioco faranno il loro ingresso sul mercato, rispetto a quella PC. Non c'è da preoccuparsi per il DRM di The Witcher 2

TI POTREBBE INTERESSARE