APB - All Points BulletinAPB non arriva in Australia 

Mancano i server

Secondo quanto riportato da Kotaku oggi, APB non arriverà in Australia, e questa volta il famigerato OFLC, l'ente di controllo sui contenuti multimediali, non c'entra nulla.

Il problema è di ordine tecnico: il gioco infatti è - come molti sapranno già da tempo - uno sparatutto impostato come MMO, ovvero interamente giocabile online con una grande quantità di giocatori contemporaneamente in partita. Gli accordi presi tra Realtime Worlds, autori del gioco e Electronic Arts sono piuttosto chiari: i primi si occupano di tutto, dallo sviluppo alla pubblicazione su disco, mentre al gigante EA resta il controllo della mera distribuzione ai punti vendita.

Questo significa che la gestione del gioco, compreso il complesso sistema di controllo e gestione online che caratterizza un MMO popoloso come APB spera di essere, resta saldamente in mano a Realtime Worlds che dovrà dunque gestire in proprio i server dedicati. Data la natura del gioco, sono necessari server locali che garantiscano un ping adeguatamente basso ai giocatori per consentire un'esperienza di gioco gradevole. Il problema è questo: Realtime Worlds nello stato attuale non ha intenzione di aprire server con base in Australia, pertanto il gioco nella terra dei canguri non verrà probabilmente nemmeno distribuito. Attendiamo comunque eventuali sviluppi sulla questione.
APB non arriva in Australia