Software HouseSteve Jobs non prese bene il passaggio di Bungie a Microsoft 

Una telefonata di fuoco

Forse non tutti sanno che Bungie, prima di diventare un araldo di Microsoft con la creazione della serie iconica di Xbox, Halo, è stato un team di sviluppo strettamente collegato ad Apple e ai sistemi Macintosh.

Ed Fries, ex-membro di rilievo della divisione Xbox all'interno della casa di Redmond, ha recentemente raccontato alla rivista Develop un interessante retroscena sull'acquisizione di Bungie da parte di Microsoft nel 2000, anno in cui il team di sviluppo in questione cominciò l'epopea di Master Chief sulle console verde-crociate.

A quanto pare, il capo di Apple Steve Jobs non prese molto bene la manovra che portò Bungie alla corte di Microsoft, tanto da sfogarsi in un'infuocata telefonata contro Steve Ballmer all'epoca. Quest'ultimo diede compito proprio a Ed Fries di cercare di calmare un po' il numero uno di Apple, cosa che in parte avvenne attraverso un accordo di collaborazione tra le due grandi rivali che portò tra l'altro alla conversione di alcuni titoli (tra cui il primo Halo) anche su Mac.

TI POTREBBE INTERESSARE