Assassin's Creed 3: si torna a parlare dell'Egitto  78

Prende corpo l'idea che possa essere la nuova ambientazione

Già a giugno dell'anno scorso una misteriosa immagine con piramidi e quello che pareva un Assassino in perfetto stile egiziano avevano fatto pensare ad una nuova ambientazione nord africana per un nuovo capitolo di Assassin's Creed, ma la cosa era stata smentita da Ubisoft in quanto non legata ad un nuovo progetto videoludico.

L'artwork in questione doveva infatti essere un'interpretazione artistica della serie effettuata da un disegnatore, un'opera da inserire nel progetto dell'Assassin's Creed Encyclopedia ad opera di UbiWorkshop. Tuttavia, quelle stesse voci stanno riprendendo vigore in questi giorni a partire dal nuovo numero di PSM3, nel quale si riferisce che l'Egitto potrebbe costituire l'ambientazione del nuovo Assassin's Creed almeno per quanto riguarda "una parte del gioco".

L'indizio seguente rappresenta un grosso spoiler, dunque evitate di leggere se non volete anticipazioni su Assassin's Creed Revelations.

Verso la fine del nuovo capitolo, infatti, il figlio di Altair, Darim, porta i libri degli Assassini alla biblioteca di Alessandria, l'antica capitale egiziana. Se il nuovo capitolo dovesse riprendere la storia esattamente dalla conclusione di questo potrebbe dunque comprendere l'ambientazione in questione, staremo a vedere.

Fonte: CVG