8.9

Redazione

8.2

Lettori (999+)


  • 1851
  • 48
  • 2015
  • 773

Gran Turismo 5 (GT 5)GT Academy centra l'obiettivo a Dubai 16

La squadra di PlayStation e Nissan sale sul podio

Grande successo per la squadra di videogiocatori della GT Academy nella 24 Ore Dunlop di Dubai, dove il team sponsorizzato da PlayStation e Nissan è salito sul podio. I quattro piloti si sono tutti distinti per le proprie abilità al volante, con l'esperto di Gran Turismo 5 Jann Mardenborough capace di tagliare il traguardo con la vettura ancora immacolata e priva di graffi.

"Questa è stata senza dubbio la settimana più bella della mia vita", ha dichiarato Mardenborough. "Non c'è nulla di paragonabile, a parte la vittoria di GT Academy dello scorso giugno. È una gioia immensa. Ora sono solo all'inizio, ma spero che la mia prestazione qui a Dubai mi consenta di fare ancora molta strada".

"Sono contento che la squadra abbia ottenuto un buon risultato alla sua prima 24 Ore internazionale", ha aggiunto Bryan Heitkotter. "Negli ultimi sei mesi abbiamo lavorato sodo per arrivare a questo risultato e voglio dire a chiunque condivida questo sogno che, con la dedizione e il lavoro, è possibile raggiungere i propri obiettivi".

Il primo vincitore di GT Academy, Lucas Ordoñez, ha iniziato la sua carriera di pilota di livello internazionale a Dubai, tre anni fa, e il suo percorso l'ha portato a ottenere un podio di categoria alla 24 Ore di Le Mans.

"Questo è un grande momento", ha confessato Ordoñez. "Abbiamo dimostrato chiaramente che GT Academy funziona, perché portare quattro videogiocatori sul podio di questa gara è qualcosa di incredibile. Sono rimasto molto colpito dai miei nuovi compagni di squadra, che gareggiavano da appena due mesi. Si sono presentati qui e si sono dimostrati veloci e costanti, senza commettere errori".

"È dura dentro l'abitacolo e ventiquattro ore sono un lasso di tempo molto lungo in cui mantenere la concentrazione", ha aggiunto il vincitore della seconda edizione di GT Academy, Jordan Tresson. "Se uno di noi avesse fatto un solo errore nel corso della gara, sarebbe stata la fine. Voglio fare i miei complimenti a Jann e Bryan che, appena un anno, fa erano ancora dei piloti da salotto".

Il caposquadra della scuderia RJN GT Academy, Bob Neville, è molto soddisfatto per il risultato ottenuto dagli allievi che lui stesso ha formato. "Questa era la prima volta che i miei quattro allievi gareggiavano insieme, quindi per me è un momento speciale", ha spiegato. "Quando l'estate scorsa Jann e Bryan hanno vinto l'edizione europea e americana del concorso, ho conosciuto due ragazzi fantastici. Come Lucas e Jordan prima di loro, sono stati molto ricettivi, assorbendo ogni nostro insegnamento. Soprattutto, è bello che questo sia avvenuto proprio a Dubai, dove tre anni fa ha preso vita l'idea avuta da Darren Cox di Nissan e da Mark Bowles di Sony Computer Entertainment. Questa gara era la prova più dura, ma l'hanno superata alla grande. Sono orgoglioso di loro e sono orgoglioso di far parte di GT Academy".

GT Academy centra l'obiettivo a Dubai