Medal of HonorIl produttore esecutivo di Medal of Honor pensò di abbandonare il team 

Dopo la controversia sui talebani

Greg Goodrich, il produttore esecutivo di Medal of Honor, ha spiegato di aver quasi lasciato il team di sviluppo in seguito alle polemiche nate dall'inclusione dei talebani nel capitolo uscito nel 2010.

Se ricordate, la stampa attaccò EA e Danger Close per aver permesso ai giocatori di impersonare le forze talebane contro gli americani in multiplayer. Alla fine le pressioni di politica e opinione pubblica furono così forti che il nome dei nemici fu cambiato in "Opposing Force". Insomma, i nemici erano rimasti identici nelle fattezze, ben riconoscibili come talebani, ma avendo cambiato nome la polemica si placò.

Il fatto, comunque, ebbe forti ripercussioni sul team e la pressione aveva quasi spinto il buon Goodrich a dare le dimissioni. Alla fine il senso di responsabilità nei confronti del suo team lo fece desistere e ora il nostro sta lavorando alla realizzazione di Medal of Honor: Warfighter insieme a degli specialisti Tier 1.

Fonte: CVG

TI POTREBBE INTERESSARE