Fusione Square-Enix, ancora nuovi dettagli  0

Fusione Square-Enix, ancora nuovi dettagli

Continuiamo la nostra copertura dell'affaire Square-Enix. Per prima cosa è doveroso precisare che il nome Square Enix scelto per la nuova società nata dalla fusione dei due colossi nipponici è solo provvisorio e, anche seguendo i pareri e le preferenze degli utenti, potrebbe venir cambiato in futuro.
Per il momento inoltre i piani di Square ed Enix rimarranno invariati: la pubblicazione dei giochi già annunciati procederà come sinora previsto (sia Star Ocean 3 che Final Fantasy X-2 saranno commercializzati a marzo in Giappone) e le due società continueranno a sviluppare giochi seguendo i sistemi utilizzati prima della fusione. Square continuerà a puntare sullo sviluppo interno, Enix sull'appoggio a gruppi esterni per tutta la fase di consolidamento e razionalizzazione delle risorse, che dovrebbe concludersi non prima del 2005, anno nel quale si adotteranno sistemi di sviluppo comuni per la nuova realtà. Per quel che riguarda l'online gaming è invece certo che le due società uniranno gli sforzi per creare una rete comune. E dovrebber rimanere invariato l'accordo tra Square e Namco sempre sul gioco online.
Maggiori dettagli in proposito, e qualche accenno ai nuovi progetti, verrà molto probabilmente divulgato nel corso di una nuova conferenza stampa indetta per il 29 novembre. Ma, nel corso del Q&A seguito alla conferenza di ieri, Keiji Honda ha già in parte risposto alla domanda che tutti si pongono: ci sarà un cross over tra la saga di Final Fantasy e quella di Dragon Quest? Abbastanza chiara la risposta: nessun cross over in vista, almeno per il momento, le due softco possono creare nuovi progetti unendo le proprie capacità senza dover per forza unire le due più famose saghe di RPG fantasy. Difficile però crederci fino in fondo...

- Foto Wada Youichi, Yasuhiro Fukushima e Keiji Honda