I videogames sono ormai molto più di una miniera d'oro  0

I videogames sono ormai molto più di una miniera d'oro

In chiusura di giornata ho ricevuto un interessante press release contenente i risultati dell'ultima ricerca organizzata da Goldman Sachs e pubblicata proprio oggi sull'Economist.
E' definitivamente ufficiale che il mercato dei videogiochi ormai eguaglia quello del cinema a livello mondiale e, nel giro di tre anni, potrebbe addirittura superare le vendite complessive di cd musicali. Per la fine del 2002 si prevede infatti che il giro d'affari dovrebbe superare i 17.5 miliardi di dollari. Ovviamente il grande boom è stato in larga parte influenzato dal rilascio praticamente contemporaneo delle nuove console Microsoft e Nintendo che, scontrandosi con il colosso di Sony, hanno riacceso un mercato già di per sè incandescente.
Il settore dei videogames risulta infatti l'unica fetta di mercato che non ha risentito della spaventosa recessione economica in America e, di riflesso, nel resto del mondo.
L'ultimo dato veramente degno di nota è il definitivo cambiamento del profilo degli appassionati di videogames che ormai da tempo ha sfondato il muro adolescenziale raggiungendo l'età media di 28 anni (almeno in America, dove il 60% della popolazione utilizza i videogiochi). E, quasi a ribadire il diario rosato di oggi ed i suoi relativi commenti, le donne che passano il proprio tempo libero davanti ad un monitor o ad un televisore collegato a qualche console sono cresciute in modo esponenziale, raggiungendo il 43% sul totale dei giocatori.