Le "booth babes" tornano all'E3  14

Si completa così la totale inversione di tendenza di ESA nei confronti del codice da adottare all'interno dell'E3: dopo aver castigato i tipici usi e costumi goliardici della grande fiera americana, e aver conseguentemente assistito ad un brusco calo d'interesse e di risultati da parte sua, l'associazione organizzatrice dell'evento è corsa ai ripari tornano alle origini.
Non solo si preannuncia una kermesse di dimensioni generose, con già 40.000 ospiti attesi solo per quanto riguarda gli addetti ai lavori, ma si prospetta anche un gradito ritorno: le avvenenti standiste in abiti succinti. Stando a quanto riportato da Eurogamer, "gli espositori hanno il permesso di utilizzare booth babes per attirare l'attenzione dei visitatori all'E3 questa estate".
Qualcosa ci dice che anche per quest'anno potremo godere del documentario a tema da parte di Mutiplayer.it.