Per chi non vive di soli antidolorifici...

Per entrare meglio nell'atmosfera del frenetico quanto esoterico shooter di Atari e DreamCatcher Painkiller, siamo certi che dandovi un assaggio degli infernali aggeggi dei quali disporrete avrete un'ottima introduzione.
Cominciamo con un interessante fucile "combo" (tutte le armi del gioco sono così configurate) con il quale potrete sia sparare razzi che falciare gruppi numerosi di nemici con il mitragliatore che fa da fuoco alternativo (sul come montare un mitra su un lanciarazzi non possiamo però darvi delucidazioni...).
Poi potrete sbizzarrirvi impalando i nemici al muro con il lanciadardi che gode di un fuoco alternativo costituito da un lanciagranate (altra combinazione bizzarra...), mentre per chi ama le armi del Sol Levante abbiamo un fucile che lancia shuriken (per i meno avvezzi sono le classiche "stellette" usate da ogni ninja che si rispetti) che funziona anche da elettrificatore, ma il bello deve ancora venire...
Come punta di diamante del campionario abbiamo l'arma che dà il nome al gioco, il PainKiller! Il fuoco principale è costituito da una lama rotante di "uforobotiana" memoria mentre il fuoco secondario lancia un dardo che si conficca nel muro e lascia partire un raggio di luce che sbriciola tutti i malcapitati che lo attraversano.
Insomma, i modi per divertirvi ci sono, ma senza una buona mira, una gran dose di coraggio e di sana cattiveria avrete vita molto difficile...

TI POTREBBE INTERESSARE