ArchivioSony verso l'outsourcing per i chip 

Sony verso l'outsourcing per i chip

Una cosa che è risultata chiara fin dalle prime dichiarazioni in proposito, è che il costo di produzione di PlayStation 3 è alquanto alto.
La cosa si riflette prima di tutto nel prezzo della console, oltre a portare vari disagi anche al produttore stesso, e Sony pare abbia intenzione di migliorare la situazione nel prossimo futuro.
La produzione del Cell, in particolare, il processore di PlayStation 3 prodotto internamente a Sony, è una delle fasi più costose e delicate della linea produttiva della console, e un taglio nei costi di produzione passa per forza di cose dall'outsourcing di tale fase, affidando la costruzione dei chip a ditte esterne. I chip da 90 e 65 nanometri attualmente in produzione, e previsti passare a 45 entro il 2009, cominciano infatti ad essere prodotti anche da altre compagnie, i cui prezzi diventeranno sempre più competitivi nel tempo. "All'inizio non c'erano compagnie nel campo dei semiconduttori che potessero creare chips per le nostre macchine, allora li abbiamo prodotti per conto nostro", ha affermato Yutaka Nakagawa di Sony, "Ma adesso ci sono gruppi specializzati nella produzione di tali chip". Tra questi, Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. e United Microelectronics potrebbero essere i candidati ideali per fare da partner a Sony nella produzione di PlayStation 3, riducendo notevolmente i costi di produzione, aumentando i profitti netti per Sony e, probabilmente, abbassando il prezzo della console in un futuro prossimo.

TI POTREBBE INTERESSARE