Vivendi aumenta la propria redditività

Tempi duri per tutti. Anche per Vivendi che nel Nord America ha oggi deciso, nel pieno di una ristrutturazione dell'azienda, di tagliare 350 posti di lavoro dai proprio studi. Bruce Hack, CEO di Vivendi, ha specificato che i licenziamenti sono serviti per ridurre alcune spese e per aumentare così la produttività nel lungo termine. Vivendi non ha specificato quale compagnia interna sia stata colpita dall'alleggerimento di personale, ma ci tiene a precisare che non si tratta di Blizzard, attualmente impegnata nello sviluppo di "World of Warcraft". Il titolo rappresenta per la compagnia un modo per entrare a far parte del mondo dei MMORPG, titolo sul quale puntano certamente moltissimo insieme ad un certo "seguito eccellente" di Valve. Un portavoce della compagnia ha dichiarato inoltre che i tagli di personale non creeranno problemi nelle date di uscita dei loro giochi e che nessun progetto è stato cancellato.