7.8

Redazione

5.9

Lettori (9)


  • 3
  • 3
  • 2
  • 0
  • Data di uscita: 21 dicembre 2011
  • Piattaforme: pc
  • Tipologia di gioco: Adventure

Kaptain Brawe: A Brawe New WorldNostalgia galattica 16

Brawe è un eroe coloratissimo e coraggioso, ma per questo primo viaggio deve accontentarsi delle rotte già battute dalle vecchie avventure

Kaptain Brawe: A Brawe New World rischiava di finire nel grande buco nero dei videogiochi pubblicati e poi dimenticati dalla famelica famiglia dei videogiocatori, costretti a ingozzarsi di titoli per stare al passo con una industria ipertesa che produce giochi come se non ci fosse un domani. Sarebbe stato un destino triste e del tutto immeritato per questa colorata avventura grafica, che è stata invece salvata da Zodiac, la piattaforma per il digital delivery dedicata alle avventure grafiche sulla quale potete giocarci in esclusiva con i sottotitoli in italiano. Nostalgia galattica Adesso che Kaptain Brawe: A Brawe New World è al sicuro in attesa di essere scaricato, andiamo a fare la conoscenza dell'equipaggio a bordo dell'astronave su cui ci troviamo all'inizio del gioco. Nella plancia di comando, stretto in una tutina lilla e con barba e capelli arancioni c'è Brawe, agente di polizia spaziale e protagonista di questa storia. Kralek, l'antipatico navigatore di bordo, fa il suo mestiere di malavoglia a pochi passi da noi. Nostalgia galattica È biondo e non sembra rispettarci come dovrebbe. Sotto in coperta attende Rowboat, un automa al momento fuori uso. Per prima cosa dovremo sistemare il nostro fidato automa, poi fare rotta verso Jama Space e rispondere a una semplice chiamata di soccorso. Ovviamente andrà tutto storto e quella che doveva essere una missione di routine si rivelerà il primo tassello di un intrigo galattico che ci porterà a imbarcare la sensuale Agent Luna e servirci di un ex pirata clonato per sventare un complotto e salvare l'universo. Tempo stimato: otto ore spese bene. Sempre che siate di quelli che tornerebbero a quando le avventure LucasArts dominavano la scena. Altrimenti il rischio è di sentirvi come un bambino che si chiede come facesse il papà a divertirsi con i trenini. Bene, vi abbiamo avvertiti, adesso preparatevi che stiamo per sbarcare.

Scimmia spaziale

Kaptain Brawe: A Brawe New World è un omaggio talmente sentito alle avventure grafiche degli anni '90 che, se fosse uscito in quel periodo, sarebbe stato un capolavoro. La somiglianza con The Secret of Monkey Island è forte: ci sono personaggi molto ben caratterizzati, un protagonista stordito ma che si crede un eroe temerario, enigmi che si risolvono pasticciando con gli oggetti e un senso dell'umorismo surreale, oltre ovviamente ai pirati (di scimmie non ne abbiamo viste, se togliamo quel gibbone di Brawe). Nostalgia galattica Come viaggio nel tempo comunque, Kaptain Brawe: A Brawe New World è molto piacevole. Brawe è un eroe riuscito, tanto che potrebbe benissimo tornare in scena per un seguito o addirittura come protagonista di un altro tipo di gioco. Il suo robot è l'archetipo dello scudiero fedele e c'è anche una damigella stretta in una tutina anni '70 che rappresenta l'intelligenza smarrita del protagonista. Se a questo aggiungiamo la sgangherata astronave di Brawe, arci nemici vestiti di nero e un'ambientazione spaziale che non disdegna le caldaie, avremo un bel mondo narrativo. Certo la storia che lega tutti questi elementi non è da premio, ma con leggerezza e senza lungaggini si dipana sino alla fine. Peccato per i colpi di scena sabotati dagli spezzoni che mostrano chi sono i traditori e cosa confabulano, ma d'altronde Kaptain Brawe: A Brawe New World non è un'avventura di suspense e mistero. Sono piuttosto la cialtroneria di Brawe e i suoi improbabili congegni il motore della trama. Nostalgia galattica Da parte nostra dovremo ovviamente aiutare il super poliziotto a risolvere enigmi lungo la via, che spesso spiccano per fantasia senza pesare troppo sulle meningi. Grazie all'interfaccia semplificata - almeno questa la passo coi tempi - i comandi si riducono a sole tre possibilità: osserva, parla, usa. Inoltre l'unico elemento su cui dobbiamo concentrarci sono gli oggetti. Nessun enigma è legato infatti ai dialoghi: basta provare tutte le opzioni e se qualcosa deve succedere succede, senza tanti mal di testa. Come nella migliore tradizione delle avventure classiche ci si può comunque bloccare, vuoi perché ci sfugge un oggetto nascosto in una schermata o perché alcuni passaggi seguono una logica che non è di questa terra. Per fortuna c'è un pulsante che mette in luce tutti i punti sensibili e ci toglie d'impiccio, ma volete mettere il piacere di scervellarsi come ai bei tempi andati? Se siete dei puristi che amano dare la caccia ai pixel ci metterete quindi dalle 5 alle 8 ore per finire il gioco. In alternativa, se vi piace vincere facile, potete scegliere la modalità Casual prima di cominciare l'avventura. Questo ci porta a parlare dei pochi guizzi di modernità di Kaptain Brawe: A Brawe New World e al terzo e ultimo paragrafo di questa visita guidata nel suo universo. Nostalgia galattica

Un tocco di XXI° secolo

Dicevamo. Prima di cominciare l'avventura si può scegliere il livello di difficoltà. La versione per neofiti abbrevia i monologhi e innesca piccoli automatismi nella soluzione degli enigmi. Se siete avventurieri di vecchio pelo questa ovviamente non è la vostra strada. Nostalgia galattica Oltre a questo bivio iniziale, un'altra piccola variante rispetto alla formula classica è quella di poter passare da Brawe a Luna o a Denny, un ex pirata resuscitato dalle ceneri. Purtroppo questa possibilità non è molto sfruttata e si limita a piccoli momenti di cooperazione tra i membri del gruppo. Infine sono presenti dei simpatici obiettivi sbloccabili. Al contrario di quanto avviene in The Waking Dead non si sbloccano solo perché procediamo nell'avventura, ma riservano anche qualche sorpresa ai giocatori che tentano azioni più o meno strampalate o divertenti. Nel complesso, dimenticando le colonne sonore anonime che non porterete mai nei vostri cuori, Kaptain Brawe: A Brawe New World ha una presentazione più che soddisfacente. I personaggi sono disegnati con uno stile accattivante che li personalizza come si deve i fondali spiccano la scelta di colori brillanti. Purtroppo non tutti sono dettagliati come quelli che raffigurano l'interno dell'astronave, ma restano comunque piacevoli. L'avventura è leggera, trasparente nella sua operazione nostalgia e con una discreta personalità. Rimane però la sensazione che avrebbe potuto osare di più anziché mantenersi sempre entro i confini rassicuranti della via già battuta.

Kaptain Brawe: A Brawe New World è un'avventura che segue quasi alla lettera la tradizione classica del genere. E che ha diversi punti forti: un eroe svampito dalla smodata considerazione di sé, un cast di comprimari ben caratterizzati e un umorismo surreale che in più di un'occasione ricorda la saga di The Secret of Monkey Island. Gli enigmi sono ricchi d'immaginazione e spingono a cercare soluzioni creative, in alcuni casi forse anche troppo. Ma perfino l'avventuriero alle prime bussole saprà togliersi d'impaccio grazie a una modalità facilitata e un pulsante di aiuti. La presentazione generale è più che discreta, anche se purtroppo dobbiamo fare a meno del doppiaggio e di qualche colonna sonora che non si dimentichi un istante dopo averla sentita. D'altronde le difficoltà di budget pesano sempre sui piccoli sviluppatori. In compenso i personaggi sono tutti disegnati con stile e le schermate luccicano di colori brillanti. Insomma è difficile trovare grandi difetti a una storia leggera e scanzonata che si lascia seguire con piacere sino alla fine, grazie anche a una buona scrittura. E infatti avrebbe potuto ambire a qualcosa di più questo gioco. Purtroppo rimane aggrappato con le unghie a un'impostazione vecchia di vent'anni, e la nostalgia prevale sulla sorpresa. Speriamo che gli sviluppatori abbiano preso un po' di coraggio e decidano di farne un seguito al passo con i tempi, sempre però con l'impavido Brawe come protagonista. Lui è già nei nostri ricordi.

Andrea Rubbini

Pro

  • Eroe carismatico
  • Puzzle fantasiosi...
  • Leggero e pieno di umorismo
  • Colori e personaggi vivaci
  • Sottotitoli in italiano su Zodiac

Contro

  • Il ritorno del muto
  • ...anche se a volte lasciano smarriti
  • Il coraggio si ferma al titolo

Requisiti di Sistema PC

  • Configurazione di Prova
  • Processore Intel Core 2 Quad Q6600
  • RAM 2 GB
  • Scheda video GeForce 8800 GT
  • Sistema operativo Windows Vista
  • Requisiti Minimi
  • Processore 1 Ghz
  • RAM 512 MB
  • Scheda video 64 MB compatibile con DirectX® 9
  • Sistema operativo Windows XP/Vista/7